Rifugiati afghani | Un funzionario delle Nazioni Unite afferma che il Canada deve fare di più

(Ottawa) Il Canada ei suoi partner internazionali devono fare di più per sostenere i vicini dell’Afghanistan se vogliono aiutare gli afghani vulnerabili a fuggire dal loro paese controllato dai talebani, ha detto un funzionario delle Nazioni Unite.


Mike Blanchfield
Stampa canadese

Kelly Clements, vice alto commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati, ha dichiarato questa settimana alla stampa canadese che Iran e Pakistan non avevano fondi per far fronte all’afflusso di afghani che da allora hanno tentato di fuggire dal paese e che i talebani hanno ripreso il potere a metà agosto.

Diversi ex artisti e le loro famiglie stanno affrontando rappresaglie da parte dei talebani per il loro sostegno alla missione militare della Nato, cui partecipano da vent’anni Canada, Stati Uniti e molti altri Paesi.

Altri afghani vulnerabili, in particolare le donne, affrontano un futuro tetro nel regime dei talebani e sperano di fuggire dal paese. In attesa di poter fuggire, questi afgani minacciati si nascondono in “rifugi sicuri” nel loro paese.

Il Canada ha accettato di reinsediare fino a 40.000 afgani, ma allo stesso tempo le ONG affermano che i soldi si stanno esaurendo per mantenere questi “rifugi sicuri” in Afghanistan, che potrebbero mettere a rischio fino a 1.700 persone.

NSio Clements non ha voluto commentare questi rifugi, ma riconosce che l’impegno del Canada per il reinsediamento degli afgani costituisce un forte esempio a livello internazionale. Ritiene, tuttavia, che si dovrebbe fare molto per aumentare la capacità dei vicini Iran e Pakistan di assorbire coloro che riescono a sfuggire ai talebani.

ha detto M. “I confini erano eccezionalmente stretti”io Clementi.

READ  Secondo Anthony Blinken | La Cina agisce "più repressiva" e "più aggressiva"

Sostieni Iran e Pakistan

Ha aggiunto che anche prima che i talebani prendessero il potere, il Pakistan aveva solo la metà dei fondi necessari per sostenere i rifugiati, mentre l’Iran ne riceveva solo un quarto. Sentono davvero che la comunità internazionale non li ha sostenuti abbastanza. ”

L’UNHCR, l’Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati, sta lavorando duramente per aiutare gli sfollati in Afghanistan, dove numeri record sono fuggiti dalle campagne verso le città mentre i talebani avanzavano verso la vittoria la scorsa estate.

Questo esodo ha portato a una crisi alimentare senza precedenti. Altre agenzie delle Nazioni Unite hanno previsto all’inizio di questa settimana che più della metà della popolazione afgana – più di 22 milioni di persone – dovrà affrontare una grave carestia nei prossimi mesi.

“Ci possono essere tutti i tipi di motivi per cui le persone devono andarsene. M. ha dettoio Clementi. Siamo presenti in ogni provincia [afghane] E nei due terzi delle contee abbiamo diversi partner con cui collaboriamo. ”

Ha affermato che, nonostante la presa del potere da parte dei talebani, l’UNHCR è stato in grado di mantenere l’accesso alle popolazioni vulnerabili. Abbiamo una lunga storia di supporto operativo e locale nelle aree tradizionalmente controllate dai talebani. Quindi questo impegno non è nuovo. ”

Chi riesce a fuggire si trova di fronte a posti di frontiera rigidamente controllati, dove sono necessari documenti, visti, passaporti e altri documenti di viaggio, ma spesso scarsi. “Ovviamente vorremmo che i paesi vicini permettessero a queste persone di cercare sicurezza nel proprio paese”, ha detto.

Il Canada ha esperienza

L’impegno del Canada per il reinsediamento afghano sembra concentrarsi maggiormente su coloro che sono già all’estero. maio Clements afferma che questo impegno è molto apprezzato a livello internazionale. “Abbiamo visto altri paesi alzare la mano e penso che sia dovuto alla leadership del Canada”.

READ  Russia | Biden punisce Mosca ed espelle dieci diplomatici russi

Prima dell’attuale crisi in Afghanistan, le Nazioni Unite classificavano il Paese al terzo posto per numero di rifugiati, con 2,6 milioni, dopo il Venezuela con 4 milioni e la Siria con 6,7 milioni.

NSio Clements crede che la roadmap di reinsediamento del nuovo arrivato in Canada gli sarà utile per accogliere gli afghani.

Sostiene che l’assistenza alla comunità e altri programmi finanziati dalle Nazioni Unite hanno mostrato un buon successo nel fornire ai rifugiati “gli strumenti e il supporto di cui hanno bisogno per iniziare a guadagnarsi da vivere e sostenere le loro famiglie più velocemente e restituire al mondo, al Canada e alla società”.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *