Pechino e Mosca condannano con un messaggio il vertice democratico di Biden

(Washington) In un raro forum congiunto, gli ambasciatori di Cina e Russia a Washington hanno criticato l’esclusione dei loro paesi dal vertice virtuale per la democrazia del presidente Joe Biden a dicembre.


Che gli Stati Uniti si permettano di determinare “chi è un ‘paese democratico’ e chi non è idoneo per questo status” è una “mentalità da Guerra Fredda”, scrivono un certo Anatoly Antonov e Ken Zhang nel quotidiano conservatore interesse nazionale.

“Questo riaccenderà il confronto ideologico e le divisioni globali e creerà nuove linee di divisione”, hanno avvertito, facendo eco alle critiche espresse a Mosca e Pechino subito dopo l’annuncio di martedì dell’invito di circa 110 paesi e regioni.

Rifiutando l’idea di un modello unico di democrazia, i due diplomatici hanno elogiato i loro regimi basati sui “fatti” cinesi o sulle “tradizioni” russe.

“Non c’è bisogno di preoccuparsi della democrazia in Russia e Cina”, hanno detto. Sarebbe meglio se qualche governo straniero osservasse cosa stava succedendo in patria. È possibile parlare di libertà quando i manifestanti vengono dispersi con proiettili di gomma e gas lacrimogeni? ”

Gli ambasciatori hanno anche invitato l’Occidente a non “interferire negli affari interni” di altri Paesi “con il pretesto di promuovere valori democratici” e a chiedere “un vero pluralismo” che operi intorno alle Nazioni Unite.

Arrivato alla Casa Bianca a gennaio, il democratico Joe Biden ha messo al centro della sua politica estera la lotta tra democrazie e “regimi autoritari”, incarnati ai suoi occhi da Cina e Russia.

Uno dei pilastri principali di questa priorità è il “Democracy Summit”, una campagna che si è impegnata per la sua prima edizione online il 9-10 dicembre prima di un incontro faccia a faccia un anno dopo.

READ  Confine USA-Messico | Il governatore del Texas vuole riprendere la costruzione del muro

Tra gli ospiti ci sono India, Pakistan e Brasile, nonostante i loro record misti sui diritti umani, ma non Turchia o Ungheria.

Gli Stati Uniti hanno esteso l’invito anche a Taiwan, oggetto di pesanti critiche da parte di Pechino. Ma la piattaforma degli ambasciatori non vi fa riferimento.

Il gigante asiatico considera Taiwan come una delle sue province, sebbene non controlli l’isola di 23 milioni di persone.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *