Nel taccuino del vicedirettore 50 sfumature di destra…e sinistra

Nel taccuino del vicedirettore  50 sfumature di destra…e sinistra

Professione, media, redazione GiornalismoE tu




La mia sceneggiatura per questa settimana⁠1 Quest’ultimo ha suscitato molte reazioni. Alcuni erano d’accordo, altri no. Ma i più hanno elogiato la trasparenza di questo testo, che mira a spiegare perché usiamo l’espressione “estrema destra”. Giornalismo.

Come ogni questione complessa, anche questo testo ha sollevato la sua dose di domande. Eccone alcuni.

“Nel tuo testo colleghi il nazionalismo e l’estrema destra. Ma io sono del Quebec e nazionalista. Ho ragione ai tuoi occhi? »

NO. Il testo si concentra volutamente sull’Europa, e sulla Francia in particolare. Non in Quebec.

C’è qualcosa di eminentemente storico, culturale e contestuale nell’uso delle etichette politiche. Il nazionalismo è un buon esempio, ha sottolineato Larousse Il che offre due distinte definizioni della parola “nazionalismo”.

In Quebec siamo più vicini alla prima definizione: movimento politico di individui che riconoscono la formazione di una comunità nazionale perché condividono una lingua e una cultura e che vogliono creare uno Stato sovrano.

In Francia prevale la seconda definizione: il nazionalismo è legato all’estrema destra perché “sottolinea il predominio dell’interesse nazionale sugli interessi delle classi e dei gruppi che costituiscono la nazione”.

Perché non segui l’esempio dell’autore che citi nel tuo testo, Charles Sabin, che preferisce l’espressione “partiti nazionalisti” a “partiti di estrema destra”, come spiega così bene nel suo libro? Raccogli la rabbia ? »

Per evitare la confusione a cui ho fatto riferimento nella mia risposta alla domanda precedente. Se Giornalismo Descrizione di Raduno Nazionale e Restauro! “partiti nazionalisti”, ciò li metterebbe sullo stesso piano di tutti i cosiddetti partiti nazionalisti del Quebec, il che costituirebbe sicuramente un problema.

READ  Le elezioni presidenziali sono state rinviate al 15 dicembre con l'approvazione del Parlamento

“Lei dice che l’estrema destra riunisce partiti populisti, in quanto difendono un popolo in opposizione alle élite che vedono come separate, persino predatorie. Sono partiti nazionalisti, poiché il loro discorso si concentra sulla nazione come fulcro dell’azione politica. Prendono quindi l’iniziativa per difendere una comunità nazionale che considerano minacciata, sia dall’immigrazione incontrollata che dalle violazioni criminali. Vorrei capire come CAQ o PQ non rientrano in questa definizione. »

Ecco perché parliamo di destra, che si trova all’estremità estrema dello spettro politico. Non solo cerca di avvicinarsi al popolo, ma si presenta come difensore di un popolo oppresso dalle élite e dalle istituzioni che cercano di schiacciarlo. Non solo vuole ridurre il flusso di immigrati, ma vuole ripristinare la purezza nazionale rimpatriando gli stranieri o revocando i loro diritti. eccetera. Ci sono molte situazioni che non possiamo, in tutta onestà, associare ai partiti del Quebec.

“A destra di cosa?” A sinistra di cosa? Dov’è il centro che mi sembra così personale? Ogni individuo o gruppo può considerare la propria opinione di fondamentale importanza…”

Naturalmente, l’interpretazione dello spettro politico può cambiare da persona a persona. Esiste tuttavia una posizione comune su ciò che si trova a destra e a sinistra del centro.

Fondamentalmente, sulle questioni morali, la destra è più conservatrice, valorizzando la tradizione, la legge e l’ordine. Sebbene la sinistra sia più riformista e progressista, cerca il cambiamento sociale e la ridistribuzione della ricchezza con l’obiettivo di rendere la società più equa. Il centro si trova tra i due, ed è talvolta diviso in “centrodestra” e “centrosinistra”.

“Perché non parli dell’estrema sinistra?” Se seguiamo la tua logica, il partito di Mélenchon La France insoumise (LFI) è a sinistra della sinistra tradizionale e sposa posizioni estreme. Secondo la tua logica, questo giustificherebbe anche chiamarlo estrema sinistra, non è vero? »

READ  Cinque persone sono rimaste intrappolate in una grotta dopo le forti piogge in Slovenia

SÌ. Il partito di Jean-Luc Mélenchon può essere classificato come estrema sinistra o sinistra radicale Giornalismo, soprattutto a causa del suo approccio molto critico nei confronti del capitalismo, allo stesso modo del Partito Comunista. Il testo della settimana scorsa si è concentrato sulla destra all’indomani delle elezioni europee. LFI ha ricevuto meno del 10% dei voti, rispetto al 40% del National Rally and Reclaim! Da qui l’argomento legato principalmente all’uso dell’espressione “estrema destra” nella prospettiva delle elezioni legislative.

“La frase “estrema destra” mi sembra più appropriata. Alcune posizioni dell’estrema destra riflettono l’insicurezza circostante”.

Capisco il tuo punto. Ma la definizione che si è affermata in Francia negli ultimi anni riguardo all’estrema destra si riferisce a gruppi più apertamente violenti e xenofobi. Questo viene utilizzato, ad esempio, dalle forze dell’ordine.

“Mi chiedo come tu sia arrivato a considerare i tuoi lettori come incapaci di capire il francese al punto da dover includere la traduzione in inglese di certi termini.” […]. Il declino della lingua francese in Quebec: vuoi contrastarlo o incoraggiarlo? »

Usiamo parole inglesi per Giornalismo A volte per precisione. Ad esempio, usa l’espressione Estrema destra Si intendeva chiarire che usiamo “estrema destra” nel senso della destra all’estremità estrema dello spettro politico. Non credo che una manciata di parole inglesi in un’edizione quotidiana di circa 40.000 parole durante la settimana (65.000 parole il sabato!) provochi un declino della verità francese in Quebec.


1. Leggi “Estrema destra, dici? »

Scrivi a François Cardinale

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *