Mosca avrà bisogno di almeno due anni per ricostruire il suo esercito

Martedì il ministro della Difesa estone ha affermato che la Russia avrà probabilmente bisogno di due o quattro anni per ricostruire le sue forze armate ai livelli prebellici in Ucraina e ha esortato a continuare la pressione su Mosca.

• Leggi anche: recessione? Lo sentiamo già!

• Leggi anche: Ucraina: L’esercito russo si prepara a evacuare Kherson, situazione “tesa” per le sue forze

• Leggi anche: L’Ucraina accusa la Russia di “sequestro” i lavoratori delle centrali nucleari

Durante un viaggio a Washington, Hanno Pevkor ha previsto una lunga lotta e ha esortato l’Occidente a schierarsi dalla parte degli ucraini fino alla vittoria del “mondo libero”.

Quando la Russia è passata all’utilizzo di droni suicidi, presumibilmente acquistati dall’Iran, Pevkor ha affermato di aver appreso che l’arsenale russo era stato ridotto nella misura in cui le forze russe stavano utilizzando il sistema. La difesa antiaerea dell’S-300 è come i normali missili, e che alcuni proiettili russi sono esplosi ancor prima di raggiungere il loro obiettivo, a causa della loro età.

  • Ascolta l’editoriale di Norman Lester su The Richard Martineau Show, trasmesso in diretta tutti i giorni alle 9:48. Attraverso Radio QUB :

“Il consenso, in un modo o nell’altro, è che la Russia impiegherà dai due ai quattro anni per ripristinare alcune capacità o addirittura simili a quelle che erano” prima della guerra, ha affermato il ministro estone in una tavola rotonda alla stampa.

Secondo lui, le sanzioni occidentali hanno colpito in particolare la produzione di aeromobili e la manutenzione di elicotteri privando la Russia di elementi chiave.

“Quando potremo trovare nuovi modi per influenzare la Russia con sanzioni, ovviamente dobbiamo”, ha detto Hanno Pevkor, che ha appena incontrato il suo omologo al Pentagono.

READ  I ricercatori scoprono il fossile del "predatore più antico"

In una dichiarazione dopo l’incontro, il segretario alla Difesa statunitense Lloyd Austin ha elogiato l’Estonia per il suo sostegno lungimirante all’Ucraina. Ha anche “espresso accordo con il ministro Pevkor sulla necessità di mantenere un forte sostegno (a Kiev) in futuro”.

Hanno Pevkor ha avvertito i giornalisti che Mosca aveva ancora la capacità di lanciare attacchi, anche contro membri della NATO come l’Estonia.

Tuttavia, ha minimizzato la possibilità di un attacco nucleare, un’opzione che il presidente russo Vladimir Putin ha brandito quando ha annunciato l’annessione del territorio ucraino.

Pevkor ha affermato che la Russia ha “davvero alimentato la paura in Ucraina” con i suoi attacchi convenzionali, dicendo di non vedere “un valore aggiunto positivo per la Russia” nell’attacco nucleare.

“Perderanno i loro sostenitori silenziosi come la Cina o altri a causa di questo”, ha detto.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.