L’esercito americano ammette di aver ucciso 23 civili nel 2020 in tutto il mondo

(Washington) L’esercito americano riconosce la responsabilità della morte di 23 civili nel 2020, in particolare durante le sue operazioni in Afghanistan, secondo un rapporto del Pentagono pubblicato mercoledì, le cui stime sono molto inferiori a quelle delle organizzazioni non governative.


Agenzia di media Francia

“Il Dipartimento della Difesa stima che 23 civili siano stati uccisi e 10 feriti nel 2020 in operazioni militari statunitensi”, osserva questo rapporto annuale richiesto dal Congresso dal 2018, parte del quale rimane un segreto della difesa.

La maggior parte delle vittime civili è caduta in Afghanistan, dove il Pentagono ha ammesso la responsabilità di 20 morti, secondo la parte generale del rapporto, che fa riferimento all’uccisione di un civile in Somalia nel febbraio 2020 e di un altro in Iraq a marzo. Il documento pubblico non specifica la posizione del 23e La vittima è stata uccisa e in quale data.

Inoltre, il Pentagono ha rivalutato le sue statistiche dal 2017 al 2019, identificando 65 morti e 22 feriti, principalmente in Siria e Yemen.

Il documento specifica che sebbene il Congresso abbia stanziato 3 milioni di dollari per il Pentagono nel 2020 per pagare un risarcimento finanziario alle famiglie delle vittime civili, nessuno dei risarcimenti, definiti “stravaganti”, è stato pagato.

Le ONG pubblicano regolarmente rapporti molto migliori sugli attacchi statunitensi sui teatri di guerra.

Airwars, che elenca le vittime civili dei bombardamenti aerei in tutto il mondo, mette la stima più prudente di 102 civili uccisi nelle operazioni statunitensi in tutto il mondo, cinque volte quanto ammette il Pentagono.

READ  L'attaccante del Campidoglio soffriva di malattie mentali

La Missione delle Nazioni Unite in Afghanistan (UNAMA) ha contato 89 morti e 31 feriti a seguito delle operazioni nel Paese per le forze della coalizione a guida Usa, come confermato dalla guerra dell’aviazione. In Somalia, dove il Pentagono riconosce un solo decesso civile, Airwars e altre Ong mettono il bilancio delle vittime a 7, e in Siria e Iraq, fonti locali riferiscono di sei morti, aggiunge la Ong.

Per l’ACLU, “le indagini del Dipartimento della Difesa e il riconoscimento della responsabilità per le morti di civili rimangono tristemente inadeguati”.

“È notevole che nel 2020 il Dipartimento della Difesa non abbia fornito o pagato alcun risarcimento alle famiglie civili coinvolte nonostante il rilascio di fondi da parte del Congresso”, ha osservato Hina Shamsi, funzionario dell’American Civil Liberties Union.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *