Che ne dici di visitare Dabaiba a Parigi? (analizzando)

Mr. Mohamed Artema ا
Alla guida di una delegazione di alto livello, il capo del governo dell’Unione nazionale libica, Abdel Hamid Dabaiba, si è recato a Parigi, nell’ambito di una visita all’estero partita da Algeri, che lo ha poi portato in Italia e in Francia.
Molti osservatori hanno considerato questa visita come parte degli sforzi di Dabaiba per presentarsi alla comunità internazionale come “aperto a tutti”, tanto più che la Francia sostiene il generale golpista Khalifa Haftar, che sta ancora mobilitando le sue forze e mercenari, nonostante un consenso concordato tra i politici della nuova scena politica.
Per anni, con il sostegno di paesi arabi e occidentali, gruppi mercenari e combattenti stranieri, le milizie di Haftar hanno combattuto l’ex governo di accordo nazionale riconosciuto a livello internazionale.
Tuttavia, grazie al successo politico che la Libia conosce da diversi mesi, il 16 marzo è stata assegnata un’autorità provvisoria eletta, composta dal governo dell’Unione nazionale e da un Consiglio presidenziale, per guidare il Paese verso le elezioni parlamentari e presidenziali, il 24 Dicembre.
Altri osservatori hanno confermato che la visita sarà caratterizzata dalla firma di alcuni accordi in diversi campi economici, tanto più che la delegazione che si è recata in Francia comprende i ministri degli Esteri, Najlaa Mankush, degli Interni, Khaled Mazen, del Petrolio, Muhammad Aoun, e Salute. Ali Al-Zanati e Comunicazioni Mohammed Al-Shaabi.
Della delegazione fanno parte anche il ministro di Stato per gli affari presidenziali Adel Jumaa, il portavoce del governo Muhammad Hammouda e gruppi di aiutanti e collaboratori.
L’analista politico libico Salah Bakush ritiene che la visita di Dabaiba a Parigi e in altre capitali abbia due obiettivi principali.
“Dabaiba sta cercando, da un lato, di consolidare la fragile tregua militare e politica e, dall’altro, di confermare la sua credibilità di primo ministro moderato, in grado di lavorare con tutti e ottenere risultati tangibili sul campo”.
“Tutte le parti permetteranno che questa tregua sia preservata, o gli sforzi di Dabaiba saranno vani?”, ha chiesto Bakush in un’intervista con l’agenzia Anadolu.

READ  Il caso della raffineria di Augusta: mandato d'arresto internazionale per i principali imputati

Al-Bakoush si aspettava un’escalation politica, ritenendo che “la situazione politica sia ambigua e tesa, e si prevede che si deteriori nelle prossime quattro settimane, prima della data del prossimo 30 giugno, fissata per stabilire la “regola costituzionale” per gestire il governo Le elezioni del 24 dicembre.
La sessione del Forum di dialogo politico libico è iniziata, mercoledì, con una videoconferenza per discutere il progetto di “regola costituzionale” per lo svolgimento delle elezioni sotto gli auspici delle Nazioni Unite.
A sua volta, l’analista politico libico Ali Abu Zeid ha ritenuto che “questa visita conferma la visione ristretta del governo in materia di politica estera, poiché il governo Dabaiba non ha compreso le priorità del suo lavoro come governo di unione nazionale”.
L’analista ha sottolineato, in una dichiarazione all’agenzia Anadolu, che “le dichiarazioni di Dabaiba danno priorità allo sviluppo delle relazioni economiche e al fatto che i paesi sono coinvolti nella ricostruzione, per non parlare dei meccanismi in grado di espellere i mercenari e senza pressioni su Haftar per sottometterlo Hezbollah”. Una nuova autorità civile… Questo rende queste visite un evento protocollare fallito.”
Ha basato la sua opinione sul fatto che Dabaiba e il suo governo rimarranno, agli occhi di questi paesi, come un governo provvisorio la cui autorità scadrà alla fine di quest’anno, il che non incoraggia la dipendenza da lui o il coinvolgimento in esso. Partnership seria con il suo governo.
Da parte sua, l’analista politico egiziano Alaa Farouk ha considerato la visita di Dabaiba in Francia “parte del suo tentativo di mobilitare un ruolo e una posizione europei unificati in Libia”.
Ha aggiunto che prima di questa visita “si era parlato di un tour europeo allargato che includesse Berlino e Londra, ma Dabaiba era soddisfatto di andare a Parigi e Roma”.
Ha sottolineato che “l’evidenza che si può trarre dalla tempistica della visita è la competizione tra Parigi e Roma nel tentativo di rafforzare i rapporti con il nuovo governo libico”.
Ha considerato che “Dabaiba sta cercando di soddisfare tutte le parti internamente ed esternamente finché non vuole avere problemi con nessuno”.
Riguardo al rapporto della Turchia con questa visita, Farouk ha sottolineato che “il rapporto con Ankara non è lontano da questa visita, ed è un tentativo da parte dei due paesi europei di conoscere l’entità del rapporto. Inoltre, poiché le voci si sono alzate per chiedere una revisione dell’accordo concluso tra Libia e Turchia”.
L’accelerazione del “coordinamento tra il governo libico e Ankara ha sollevato preoccupazioni europee legate, in particolare, al fatto che Ankara e Mosca continueranno a dominare la questione libica”.
Il 27 novembre 2019, l’ex governo libico legittimo ha firmato un memorandum d’intesa con la Turchia per assistere Tripoli nello sviluppo delle sue capacità militari e di sicurezza.
“È possibile che gli assi della visita in Francia ruotino attorno alle imminenti elezioni, al dossier mercenario, a un dossier imbarazzante, e Dabaiba sta cercando di indagare sul punto di vista della Francia o di attirare il suo aiuto attraverso il suo peso nella comunità internazionale. Il nostro l’interlocutore ha spiegato che la sua presenza in Consiglio di Sicurezza è un tentativo di risolvere la questione una volta per tutte.
“Saranno affrontate questioni economiche, come la firma di accordi nei settori dell’energia e dell’edilizia, visto lo status dei membri della delegazione che accompagna Dabaiba in Francia”, ha aggiunto.
“È anche possibile che questa visita affronti la questione della sicurezza, in particolare la sezione sull’immigrazione illegale, e Dabaiba possa discutere con Macron questioni relative alla sicurezza regionale”, ha concluso.

READ  Titolo Inter, consegna necessaria

* Tradotto dall’arabo da Hatem Katto

Solo una parte dei dispacci, che Anadolu Agency trasmette ai propri abbonati tramite il Sistema di Distribuzione Interna (HAS), viene trasmessa sul sito web di AA, in maniera sintetica. Contattaci per iscriverti.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *