SpaceX lancia un calamaro sulla Stazione Spaziale Internazionale per un esperimento

Giovedì, un razzo SpaceX partirà verso la Stazione Spaziale Internazionale con a bordo abbastanza per condurre un’intera serie di esperimenti scientifici, tra cui una popolazione sorprendente: il calamaro.

• Leggi anche: Inedito dal 1930: Eclissi solare anulare il 10 giugno

• Leggi anche: Treni spaziali Starlink: nobile obiettività, serie preoccupazioni

Il veicolo spaziale, i cui servizi sono noleggiati dalla NASA, sarà lanciato dalla Florida alle 13:29 circa ora locale (17:29 GMT). La capsula Dragon si stacca dal razzo Falcon 9 circa 12 minuti dopo il decollo. Dovrebbe quindi attraccare con la ISS sabato.

Piccoli campioni di una specie di calamaro (Euprymna scolopes) intraprendono il viaggio per studiare l’effetto dell’assenza di gravità sulle interazioni tra i batteri e i loro ospiti.

Una parte del calamaro sarà già esposta ai batteri una volta a bordo della Stazione Spaziale Internazionale. Alcuni rimarranno. Dopo 12 ore, tutto sarà congelato fino a quando non torneranno sulla Terra, dove verranno studiati.

“Gli animali, compresi gli esseri umani, si affidano ai microbi per mantenere sano il loro sistema digestivo e immunitario”, ha affermato in una dichiarazione Jamie Foster, l’autore principale dell’esperimento. “Non abbiamo ancora compreso appieno come il volo spaziale alteri queste interazioni”.

Pertanto, l’esperimento potrebbe, in futuro, aiutare a sviluppare tecniche per proteggere la salute degli astronauti che partecipano a missioni spaziali a lungo termine.

Anche a bordo di un razzo SpaceX: i tardigradi, noti anche come orsi d’acqua, sono creature microscopiche note per la loro resilienza. Gli scienziati vogliono studiare come si adattano nello spazio.

Cotone, macchina ad ultrasuoni portatile… In totale, la missione di rifornimento ha trasportato più di 3000 kg di beni scientifici

READ  Francia e Brasile rimangono gli unici due paesi in cui i negozi Apple sono stati chiusi

You May Also Like

About the Author: Adriano Marotta

"Pluripremiato studioso di zombi. Professionista di musica. Esperto di cibo. Piantagrane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *