L’atleta bielorussa afferma di essere stata costretta a tornare a casa e teme per la sua vita | Tokyo 2021 | il Sole

WLUn gruppo di attivisti che sostiene Tsimanoskaya ha affermato che l’atleta credeva che la sua vita sarebbe stata in pericolo in Bielorussia e aveva chiesto asilo all’ambasciata austriaca a Tokyo.

Tsimanoskaya ha dichiarato in un videomessaggio pubblicato sui social media di essersi trovata “sotto pressione” dai suoi leader della squadra e ha chiesto aiuto al Comitato olimpico internazionale.

“Sono stato messo sotto pressione e hanno cercato di costringermi a lasciare il paese senza il mio consenso”, ha detto il corridore di 24 anni.

Tsimanoskaya, che lunedì avrebbe dovuto gareggiare nei 200 metri femminili, ha criticato i capitani della nazionale bielorussa sul suo account Instagram. Ha detto che è entrata nella staffetta 4x400m anche se non aveva mai gareggiato nell’evento.

La Fondazione bielorussa per la solidarietà sportiva (BSSF) ha affermato che i sostenitori del governo hanno preso di mira l’atleta che aveva contattato la fondazione per evitare la deportazione forzata a Minsk.

“La campagna era seria ed era una chiara indicazione che la sua vita era in pericolo in Bielorussia”, ha detto in un’intervista all’Associated Press Alexander Obikin, portavoce del gruppo di attivisti.

Tsimanoskaya ha contattato la polizia giapponese all’aeroporto di Haneda e non si è imbarcata su un volo per Istanbul. Ubeken ha detto che i funzionari del Dipartimento di Stato sono poi arrivati ​​all’aeroporto.

In una dichiarazione rilasciata da BSSF, Tsimanoskaya ha detto che lunedì mattina presto si trovava in una stazione di polizia.

“Ho spiegato la situazione a un ufficiale e ho descritto come sono stato prelevato dal Villaggio Olimpico”, ha detto Tsimanskaya. Ora sono in una posizione sicura e sto cercando di risolvere un problema in cui potrò passare la notte”.

READ  Cina: gli elefanti in fuga aspettano il prossimo

Il CIO, che aveva controversie con il Comitato olimpico nazionale bielorusso (CNOB) in vista dei Giochi di Tokyo, ha affermato di essere intervenuto.

“Il Comitato olimpico internazionale (…) sta indagando sulla situazione e ha chiesto chiarimenti alla Cnob”, hanno affermato i funzionari olimpici in una nota.

La CNOB è guidata da oltre 25 anni dall’autoritario capo di stato Alexander Lukashenko e da suo figlio Viktor.

Due Lukashenko sono stati banditi dalle Olimpiadi di Tokyo mentre il Comitato Olimpico Internazionale indaga sulle denunce degli atleti secondo cui sono vittime di ritorsioni e intimidazioni per aver protestato lo scorso agosto dopo le elezioni presidenziali.

Una portavoce della CNOB non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

Ubikin ha detto che Tsimanoskaya era stata trasferita in un luogo sicuro e stava progettando di chiedere asilo all’ambasciata austriaca.

Tsimanoskaya è arrivato quarto nella sua gara di qualificazione dei 100 metri venerdì e non si è qualificato per le semifinali. Con l’Associated Press

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *