Un nuovo asse franco-italiano nel gioco europeo

Con l’avvicinarsi della partenza del cancelliere tedesco Angela Merkel in autunno, Francia e Italia si stanno unendo su molte questioni, rafforzando le loro relazioni e preparandosi a firmare un nuovo trattato bilaterale, cambiando gli equilibri di potere all’interno dell’Unione europea. Analizzare.

Delphine Allaire – Città del Vaticano

Dopo la rivalità, fai spazio all’amicizia. In Europa sta emergendo un nuovo asse di potere, su entrambi i versanti delle Alpi si assiste da diversi mesi a un inasprimento dei rapporti tra Francia e Italia. E mentre il cancelliere tedesco Angela Merkel si dimetterà alla fine di settembre, questo tandem Parigi-Roma si preannuncia sempre più influente a Bruxelles.

Dal vertice franco-italiano di Napoli nel 2020 alla visita di Stato in Francia di Sergio Mattarella all’inizio di luglio 2021, i rapporti sono stati più che rilanciati: annuncio di un servizio civile comune, convergenza di vedute sulla Libia, revisione fiscale europea e altri aspetti sociali, economici e questioni di bilancio. Il presidente francese Emmanuel Macron e il presidente del Consiglio italiano Mario Draghi, entrambi familiari con il settore bancario, si piacciono anche personalmente.

Ispirandosi al Trattato dell’Eliseo firmato tra Francia e Germania nel 1963, dovrebbe quindi essere firmato in autunno al Quirinale – dal nome del palazzo che ospita la Presidenza italiana a Roma – un trattato bilaterale per suggellare il rilancio di questa storica amicizia tra Francia e Italia e pesare il più possibile nel gioco europeo. Che, a prescindere dal nuovo cancelliere tedesco, o poco dopo, dal nuovo ospite dell’Eliseo, se c’è qualche cambiamento.

Spiegazioni del politologo italiano Giuseppe Bettoni, docente all’Università Tor Vergata di Roma.

Intervista a Giuseppe Bettoni, politologo dell’Università Tor Vergata di Roma

READ  Festival di Sanremo, il prefetto: no alla presenza del pubblico. La Rai pensa alle comparse

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *