Il volo della capsula spaziale Starliner è stato nuovamente ritardato

(Washington) La vacillante capsula spaziale Starliner di Boeing potrebbe subire ulteriori ritardi dopo che la società ha dichiarato giovedì che sta lavorando per risolvere i problemi con le valvole di ossidazione nel sistema di propulsione.


L’ultimo lancio della navicella verso la Stazione Spaziale Internazionale, previsto per il 4 agosto, è stato annullato a causa di problemi con il sistema di propulsione e non è chiaro quando sarà programmato il prossimo volo di prova.

“Negli ultimi due giorni, il nostro team ha impiegato il tempo necessario per accedere e testare in sicurezza le valvole impattate, senza che la finestra di lancio fosse dettata dalla nostra velocità”, ha affermato John Vollmer, Vice President e General Manager, Starliner.

La società ha dichiarato in una nota che una nuova data di lancio sarà annunciata quando la navicella sarà pronta.

Questo incidente è l’ultimo per Boeing dal suo contratto con la NASA per portare gli astronauti in orbita terrestre bassa.

Dopo aver terminato il suo programma di navetta spaziale nel 2011, la NASA si è assicurata i servizi Boeing e SpaceX in modo che non avessero bisogno dei razzi russi per raggiungere la Stazione Spaziale Internazionale.

È fondamentale che Boeing completi con successo la sua missione di volo senza equipaggio verso la Stazione Spaziale Internazionale prima di poter trasportare in sicurezza i suoi astronauti.

SpaceX ha già effettuato tre missioni con equipaggio, portando sulla stazione spaziale almeno una dozzina di astronauti, tra cui il francese Thomas Pesquet, a bordo della sua navicella Crew Dragon.

Da parte sua, Boeing è rimasta indietro. A dicembre 2019, durante il primo volo di prova, un problema software ha causato un problema con i propulsori.

READ  Nuovo volo creativo in elicottero su Marte

Lo Starliner non aveva abbastanza carburante per raggiungere la Stazione Spaziale Internazionale e dovette tornare prematuramente sulla Terra. Quindi, un’indagine ha mostrato che la capsula ha quasi subito una grave anomalia di volo quando è entrata nell’atmosfera.

La NASA ha definito la missione una “chiamata ravvicinata ad alta visibilità”, un nome raro riservato ai voli che si sono avvicinati al disastro.

You May Also Like

About the Author: Adriano Marotta

"Pluripremiato studioso di zombi. Professionista di musica. Esperto di cibo. Piantagrane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *