Capitolo 1 | I disastri naturali e i disastri costano 77 miliardi di dollari

(Zurigo) – Le perdite economiche globali dovute a disastri naturali e causati dall’uomo, come incendi o incidenti industriali, sono stimate a 77 miliardi di dollari per il primo semestre, ha annunciato giovedì il riassicuratore svizzero Swiss Re.




Se questa cifra scende del 33% rispetto al primo semestre dello scorso anno, il conto dei danni che le compagnie assicurative dovranno coprire, soprattutto per le calamità naturali, non aumenterà di meno, avverte il gruppo svizzero in un comunicato, che una volta ha nuovamente evidenziato l’aumento della Frequenza degli incidenti meteorologici con il cambiamento climatico.

Secondo il riassicuratore, per questo semestre le perdite economiche sono inferiori alla media dei 10 anni, piuttosto di circa 108 miliardi di dollari per i primi semestri.

Il gruppo svizzero ha affermato che i costi che le compagnie assicurative devono coprire aumenteranno invece del 4% fino a raggiungere i 42 miliardi di dollari, di cui 40 miliardi per i disastri naturali, osservando che i costi sono generalmente inferiori nella prima metà di quest’anno. L’anno è un secondo anno poiché il conto generalmente aumenta con la stagione degli uragani nel Nord Atlantico.

Per gli assicuratori, questa prima metà è la più costosa dal 2011, quando il conto è aumentato a causa dei terremoti in Giappone e Nuova Zelanda.

In media, gli assicuratori fatturati negli ultimi 10 anni sono stati di circa 33 miliardi di dollari durante i primi trimestri, ha affermato il gruppo svizzero che agisce come assicuratore per gli assicuratori.

“Gli effetti del cambiamento climatico si manifestano con temperature più calde, livelli dell’acqua più elevati, precipitazioni più irregolari e condizioni meteorologiche più estreme”, ha affermato nel comunicato stampa Martin Bertog, direttore delle attività di emergenza presso Swiss Re.

READ  Experts say the Centers for Disease Control and Prevention (CDC) testing requirements for travelers in the UK are like a "chain fencing to prevent mosquitoes"

Bertog ha insistito sul fatto che i cosiddetti eventi meteorologici secondari, a differenza dei disastri naturali molto grandi, tendono ad aumentare, presentando un “rischio crescente”.

La tempesta invernale Urey, che ha colpito gli Stati Uniti a febbraio con ondate di freddo che hanno colpito il Texas, da sola ha causato 15 miliardi di dollari di danni assicurati.

Temporali e grandinate a giugno che hanno distrutto auto e abitazioni private in Germania, Belgio, Paesi Bassi, Repubblica Ceca e Svizzera sono costati agli assicuratori circa 4,5 miliardi di dollari.

Dopo le temperature estreme di fine giugno in Canada, il secondo semestre è già iniziato con un aumento dei danni climatici, tra incendi in California e inondazioni in Germania e Cina, nonché incendi in Turchia, Grecia e Italia.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *