Il britannico arrestato in Ucraina dopo essere stato picchiato e accoltellato racconta il suo calvario

Uno dei cinque britannici catturati in Ucraina e tornati nel Regno Unito dopo uno scambio di prigionieri tra Mosca e Kiev ha dichiarato in un’intervista al quotidiano britannico The Sun di essere stato picchiato e costretto a cantare l’inno russo durante la detenzione.

• Leggi anche: Pensionati malati: la Russia ammette di aver commesso “errori” durante la mobilitazione

• Leggi anche: Le autorità filo-russe accusano l’Ucraina di aver bombardato un hotel nel sud

• Leggi anche: Ucraina: Biden promette sanzioni “veloci e severe” se la Russia si annette

All’età di ventotto anni, Aydin Aslin fu catturato in Ucraina, dove stava combattendo per Kiev, e condannato a morte per accuse di mercenario.

Dopo la sua resa all’assedio di Mariupol in aprile, il soldato “ha chiesto in russo ‘Da dove vieni?'” “Gli ho detto che venivo dalla Gran Bretagna e mi ha preso a pugni in faccia”, ha detto a The Sun.

Secondo il suo racconto, è stato poi separato dagli altri prigionieri e interrogato sul retro di un veicolo blindato.

L’ufficiale stava fumando una sigaretta e si è inginocchiato davanti a me chiedendomi ‘Sai chi sono?’ Ho detto di no e lui ha risposto in russo sono la tua morte.

Disse: “Guarda cosa ti ho fatto?” Mostrami le spalle. Mi ha mostrato il suo coltello e ho capito che mi ha colpito con esso.

Quindi l’ufficiale gli ha chiesto se voleva una “morte rapida o una bella morte”, ha seguito il britannico e il suo partner ucraino, a cui ha risposto che voleva una morte rapida.

“Ha sorriso e ha detto: ‘No, morirai di una morte meravigliosa’”, ha detto Eden Aslin a The Sun.

READ  Attacco ai giornalisti ad Haiti | Un sopravvissuto ha detto che le bande erano "molto meglio che armare la polizia".

Ha detto di aver trascorso i successivi cinque mesi in una cella di 1,20 per 1,80 metri piena di scarafaggi e pidocchi, privata della luce del giorno tranne quando è stato portato a girare video di propaganda o così poteva comunicare con il Ministero degli Esteri britannico.

Secondo il quotidiano Sun, il prigioniero ha sentito l’inno russo suonare in loop e gli è stato ordinato di alzarsi e cantare o essere picchiato, e anche di cantare “Gloria alla Russia”.

“Dopo essere stato costretto a cantare l’inno russo ogni mattina negli ultimi sei mesi, penso che sia ora di imparare qualcosa di un po’ meglio e imparare l’inno ucraino”, ha twittato Sunday Eden Aslin.

Alla luce del sole, ha anche ringraziato “dal profondo del suo cuore” l’oligarca russo Roman Abramovich – sotto le sanzioni del Regno Unito e dell’UE – per il suo ruolo nel liberare i cinque britannici, che sono stati in grado di tornare a casa. Stato dopo lo scambio di prigionieri favorito dalla mediazione saudita.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.