I cibi ultra processati accelerano il nostro declino cognitivo?

Gli alimenti ultra-elaborati sono parte integrante della nostra dieta. I loro bassi valori nutrizionali e gli additivi e i conservanti che contengono portano gli scienziati a mettere in discussione il loro impatto sulla nostra salute. Uno studio recente mette in discussione la relazione tra alimenti ultra-elaborati e declino cognitivo. Ci rendono meno efficienti?

Il piatto francese è composto nella media Il 31% sono alimenti ultra processati. Economici e facili da cucinare, si sono progressivamente affermati nella nostra vita quotidiana. Eppure l’hanno fatto valori nutrizionali Meno attraenti dei cibi crudi o trasformati e alcuni degli ingredienti necessari per produrli sono sospettati di essere dannosi per la salute.

Un recente studio pubblicato in Juma Neurologia Mostra che il consumo di alimenti ultra-elaborati può promuovere il declino cognitivo nelle persone di mezza età. Patatine , cerealecereale Per colazione e altri cerchi industriali ci restituiscono Torta ? La decodifica di questo studio è stata effettuata in Brasile su 10.000 persone.

I cibi ultra processati fanno invecchiare più velocemente?

Alimenti ultra processati legati al declino cognitivo?

I ricercatori dell’Università di medicina di San Paolo hanno mostrato un’associazione tra alimenti ultra-elaborati e declino cognitivo, non una relazione causale. Basandosi solo su questo post, è impossibile concludere che gli alimenti ultra-elaborati siano responsabili del declino cognitivo osservato nelle persone che li consumano.

I partecipanti allo studio sono stati divisi in quattro gruppi in base alla proporzione di alimenti ultra-elaborati nei loro piatti. I risultati indicano che il declino cognitivo è più lento nelle persone che mangiano meno del 20% degli alimentiUltra elaborato Quotidiano. Ma gli scienziati hanno notato un declino cognitivo per tutti i gruppi alla fine del follow-up di 10 anni. La perdita cognitiva è un fenomeno normale che aumenta con l’età, e qui i partecipanti avevano una media di 50 anni all’inizio dello studio. Pertanto, il contributo degli alimenti ultra-elaborati al declino cognitivo sembra essere debole o addirittura inesistente.

READ  Scienza e religione possibile dialogo?

Il problema potrebbe non essere che hanno mangiato più alimenti ultra-elaborati, ma piuttosto il fatto che hanno mangiato di menoalimenti minimamente trasformati Come verdure, frutta, noci, semi e legumi. Quindi in realtà non cambia il modo in cui dobbiamo mangiare per mantenere una buona funzione cognitiva, dobbiamo cercare di mangiare meno cibi ricchi di zuccheri aggiunti, sale e grassi (che include molti cibi ultra-elaborati) mentre mangiamo più verdure e frutti e nocciolanocciola e legumi noti per i loro benefici sulla cognizione e sulla salute generale Il dottor Duane Mellor conclude, DietistaDietista e professore aAston Medical College Da Birmingham in Inghilterra in poi Centro multimediale scientifico.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.