I candidati alla presidenza repubblicana nel 2024 sono già impegnati

(Washington) A meno di sei mesi dalla sconfitta di Donald Trump alle elezioni presidenziali statunitensi, la corsa per la prossima nomina repubblicana è già in corso.


Agenzia di stampa

Diversi aspiranti candidati hanno immerso i piedi nella piscina per misurarne la temperatura. L’ex segretario di stato Trump Mike Pompeo ha intrapreso un tour dinamico, visitando diversi stati che giocheranno un ruolo centrale durante le primarie del 2024 e firmando un contratto con Fox News.

L’ex vicepresidente Mike Pence ha creato un gruppo di difesa politica e ha assunto un editore. Farà il suo primo discorso dal trasferimento dei poteri alla fine di questo mese.

Foto di Chris Jackson, AP

Ex vicepresidente Mike Pence

Da parte sua, il governatore della Florida Ron DeSantis sta flirtando con i donatori, anche quelli che possiedono Donald Trump. Farà un discorso poco prima dell’ex presidente questo mese durante una cena di raccolta fondi repubblicana.

E chissà cosa farà Donald Trump?

L’ex presidente aveva una presa così stretta sugli elettori repubblicani che i leader del partito temono che intimidirà altri potenziali candidati per il 2024. Ma molti repubblicani con ambizioni patriottiche stanno pubblicamente gettando le basi per una futura campagna mentre Trump contempla i suoi piani.

“Costruiamo l’astronomia prima che piova”, ha detto lo stratega repubblicano Michael Steele. Organizzeranno ciò che devono fare se il signor Trump decide di non partecipare. ”

L’ex presidente ora lascia loro molta libertà, convinto che questi potenziali candidati non minaccino le sue ambizioni.

“È un paese libero. Le persone possono fare quello che vogliono, dice il consigliere di Trump Jason Miller. Ma se Donald Trump decide di candidarsi nel 2024, sarà nominato se prestiamo attenzione ai sondaggi dell’opinione pubblica degli elettori repubblicani”.

READ  I repubblicani al Congresso si schierano dietro Trump per riprendere il potere

I sondaggi indicano che Trump rimane una figura dominante tra l’elettorato repubblicano, nonostante la sua sconfitta contro Joe Biden. Tanto che coloro che potrebbero sperare di succedergli sono ansiosi di adulare il suo ego e chiarire che non hanno intenzione di sfidare la sua posizione.

Il senatore della Florida Rick Scott, presidente del Comitato del Senato Nazionale Repubblicano, ha consegnato a Donald Trump il “Freedom Champion Award”, sebbene abbia continuato ad attaccare il leader della minoranza repubblicana al Senato, Mitch McConnell.

Il giorno successivo, l’ex governatore della Carolina del Sud Nikki Haley, considerato uno dei migliori contendenti per il 2024, ha detto all’Associated Press che non avrebbe corso in gara se Trump avesse corso di nuovo la gara.

Donald Trump, che è stato nell’ombra dalla sua sconfitta, prevede di aumentare presto la sua visibilità. I suoi consiglieri stanno discutendo la possibilità di organizzare comizi in tarda primavera o durante l’estate. “C’è una domanda molto forte per mettere il signor Trump sulla strada”, dice Miller.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *