Gli ucraini si riuniscono in Quebec per il Natale ortodosso

Molti ucraini si sono riuniti per celebrare insieme il Natale ortodosso nella parrocchia ortodossa di Santa Trinità in Quebec.

• Leggi anche: L’armistizio russo è scaduto, le ostilità non sono cessate

• Leggi anche: Washington afferma che il cessate il fuoco della Russia è stato “cinico”

• Leggi anche: Le ostilità continuano nonostante il cessate il fuoco russo

È il caso di Alla Rekon, che quest’anno festeggia un compleanno speciale, essendo fuggita dall’Ucraina con i suoi figli la scorsa primavera.

In tal modo, ha lasciato altri membri della sua famiglia, così come suo marito, che è rimasto al fronte.

“Era con la sua famiglia insieme, e ora è sola qui, come se fosse davvero qualcos’altro”, dice uno degli interpreti.

Come tanti, sono andato in chiesa per parlare con altri rifugiati e mangiare un buon pasto, accompagnato da canti tradizionali.

“È molto positivo per noi che la Chiesa ortodossa esista, perché le persone possono stare insieme”, ha detto Antonina Kareva, 97 anni, che si è rifugiata con suo nipote per sfuggire ai bombardamenti.

Nonostante i loro occhi fossero ancora puntati sul loro paese d’origine, le famiglie intervistate da TVA Nouvelles hanno testimoniato la loro fortuna e gratitudine per essere state accolte in Quebec.

La Russia ha ordinato un cessate il fuoco di 36 ore durante il Natale ortodosso, ma venerdì l’agenzia di stampa AFP ha riportato il fuoco dell’artiglieria.

READ  Gli haitiani sono tornati alla frontiera | Le immagini non "riflettono" gli Stati Uniti

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *