Gli orfani trovano rifugio nell’Isola della Pace in Ucraina

(Perekhrestia) L’edificio è isolato e spazzato via dal vento ma in questa regione più occidentale dell’Ucraina le bombe non fischiano e gli orfani espulsi da Kiev a causa dei combattimenti possono eventualmente esplodere.

Inserito alle 17:18

Pietro Murphy
Agenzia media francese

“Ci sentiamo al sicuro qui, è tranquillo”, ha detto Mykola Topolov, 17 anni, uno dei 93 occupanti di questa scuola abbandonata trasformata in casa nel piccolo villaggio di Perekhrestia, a 800 chilometri dalla capitale.

Lui e i suoi colleghi, dai 6 ai 21 anni, erano in un centro per bambini vicino a Kiev quando la Russia ha invaso l’Ucraina il 24 febbraio.

“Abbiamo sentito esplodere due bombe e abbiamo subito capito che i russi avevano attaccato”, racconta il giovane. “E’ stato terrificante.”

L’organizzazione appartiene alla regione separatista filo-russa di Donetsk (est), dove i combattimenti infuriano dal 2014.

Vivendo vicino alla prima linea, spiega Galina Evazenko, la manager del campo che ha viaggiato con loro, erano appena arrivati ​​”per prendere una boccata d’aria fresca e dimenticare lo stress”.

Ben presto lasciarono la stazione di Kiev, questa volta verso questo rifugio improvvisato, non lontano dal confine ungherese.

Isolata dal resto del paese da catene montuose, la Transcarpazia è una delle poche regioni ucraine ancora protette dalla guerra.

“Qui è un’isola di pace”, ha detto il direttore della fondazione, Mikhailo Glinka, nel suo ufficio che domina la verde vallata.

Quando vince l’Ucraina

L’ex collegio per bambini malati, l’edificio è chiuso da un anno ma, vista l’urgenza della situazione, le autorità ne hanno ordinato la riapertura.

Nel piccolo villaggio di 800 abitanti, tutte le persone di buona volontà ad allestire l’edificio, vanno a prendere viveri, peluche e giocattoli per i bambini per rallegrare l’ambiente un po’ malinconico del loro soggiorno.

READ  È scomparsa dopo l'assassinio dei suoi genitori ed è stata ritrovata 40 anni dopo

Sotto un cielo basso, il più piccolo scherzo del parco. Altri giocano a cerchio in classe o parlano seduti sulle scale, mentre in cucina fumano grandi scodelle di zuppa.

Mykola fu abbandonato alla nascita, mentre molti dei suoi compagni furono allontanati dalle loro famiglie biologiche.

“Quando l’Ucraina vincerà la guerra, voglio aiutare a ricostruire il Paese”, dice, seduto su uno dei letti di un dormitorio affollato.

Spera anche di riprendere le lezioni di programmazione informatica che ha iniziato a Kramatorsk, vicino a Donetsk.

La loro compagna Galina Evazenko, 57 anni, trema forte davanti ai bambini, quando pensa ai suoi genitori anziani che vivono a Mykolaiv, una città nel sud dell’Ucraina sotto il fuoco russo.

“Ho perso i contatti con loro, non so dove siano, se stanno bene”, ha detto, piangendo.

Anche il parroco municipale Joseph Sibos è venuto in aiuto.

Responsabile di un’organizzazione umanitaria per bambini chiamata “Kegye”, quest’uomo ungherese, come molti residenti della zona, scarica medicine e cibo dalla sua auto dal paese vicino.

“Appena ho saputo del progetto, ho iniziato a organizzarmi e ad aiutare”, spiega. “È il minimo che possiamo fare”.

A Berchrestia, ora si teme l’arrivo di orfani di guerra poiché le forze russe hanno continuato a diffondersi in diverse città martedì e hanno intensificato i bombardamenti, il tredicesimo giorno dell’offensiva.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.