George W. Bush difende l’immigrazione

(Washington) L’ex presidente repubblicano George W. Bush, che è pesantemente criticato per la sua “guerra al terrorismo”, di solito è conservatore, è entrato ancora una volta nel dibattito pubblico americano, questa volta come difensore dell’immigrazione, contro il suo partito.


Michael Mathis
France Media

43e Il presidente degli Stati Uniti ha pubblicato un nuovo libro il 20 aprile, compilando i ritratti degli immigrati che ha disegnato (Tra le tante, una: Fotografie di immigrati in America).

Condividendo storie “meravigliose” di immigrati, George W. Bush, 74 anni, ha chiarito che sperava di “umanizzare il dibattito sull’immigrazione e riformare” il sistema di immigrazione, in una colonna del giornale Washington Post.

Foto di Chris Delmas, AFP

il libro Tra i tanti, uno: Portraits of American Immigrants de George W. Bush

L’uscita di questo libro arriva quando il democratico Joe Biden, che ha promesso una politica di immigrazione più “umana” dopo gli anni di Trump, è alle prese con il più grande aumento in 15 anni di immigrati che arrivano al suo confine meridionale.

L’ex governatore del Texas, uno stato di confine in Messico gravemente colpito dall’immigrazione, il repubblicano che non è riuscito ad attuare importanti riforme sull’immigrazione durante la sua presidenza ha severamente criticato il suo partito e gli atteggiamenti anti-immigrazione che trasmetteva.

Il Partito Repubblicano è diventato “isolazionista, protezionista e in una certa misura originale”, come ha dichiarato l’ex presidente in un’intervista a NBC oggi, Evoca il nazionalismo, che è un movimento politico americano che si oppone a qualsiasi nuova immigrazione.

READ  incendi boschivi | La Grecia si è trasformata in una "polveriera", e in Turchia la crisi continua

George W. Bush sostiene un percorso per la cittadinanza per coloro che sono arrivati ​​negli Stati Uniti da bambini, chiamato “Dreamers”, e un processo graduale per milioni di immigrati clandestini che vivono negli Stati Uniti, dove è necessario ottenere il permesso di soggiorno e la cittadinanza. Stanno guadagnando.

Di conseguenza, i candidati dovranno pagare una multa e le tasse arretrate, fornire prove dei loro anni di lavoro negli Stati Uniti e una buona conoscenza della storia inglese e americana e non avere precedenti penali.

Tali idee contraddicono le opinioni correnti del Partito Repubblicano e sono più vicine alle convinzioni di alcuni Democratici, che erano totalmente contrari a George W. Bush quando era al potere.

L’ex presidente repubblicano, tuttavia, è favorevole a rafforzare il confine con il Messico con un “tocco di simpatia”, anche se si rende conto che è improbabile che la sua retorica raggiunga l’obiettivo nei circoli più conservatori.

“Salvare la sua eredità”

Il libro e il tour mediatico di George W. Bush potrebbero essere parte di una strategia più ampia per trasformare la sua immagine di uomo responsabile delle guerre in Iraq e Afghanistan, che sono costate agli Stati Uniti molte vite, miliardi di dollari e hanno generato gruppi estremisti. Come lo Stato islamico.

“Quello che sta facendo oggi potrebbe, in una certa misura, salvare la sua eredità”, ha detto all’AFP Christopher Devin, professore di scienze politiche all’Università di Dayton.

Stiamo reinterpretando [les actions] Ex presidenti in base al contesto delle nostre notizie.

Christopher Devin è professore all’Università di Dayton

Dopo gli attacchi dell’11 settembre 2001, George W. Bush ha improvvisamente guidato l’unità dell’America.

READ  Biden nomina l'ex senatore repubblicano Jeff Flake ambasciatore in Turchia

Ma otto anni dopo, il repubblicano lasciò un paese impantanato in guerre “infinite” e più diviso che mai, c’era un’impressione preconcetta delle profonde divisioni che gli Stati Uniti avrebbero sperimentato sotto Trump.

La questione della presenza statunitense in Afghanistan è tornata alla ribalta dieci giorni fa, con il presidente democratico Joe Biden che ha annunciato un ritiro completo delle forze statunitensi entro l’11 settembre, il 20.e Anniversario degli attentati del 2001.

Dopo che George W. Bush ha ordinato l’invasione dell’Iraq, è stato accusato in particolare di aver autorizzato la tortura e altre violazioni dei diritti umani sotto la sua presidenza.

“Bush, come molti altri, ha reagito in modo eccessivo agli eventi dell’11 settembre 2001”, ha detto William Banks, professore di diritto alla Syracuse University.

È coinvolto così come Dick Cheney [vice-président de l’époque NDLR] E Donald Rumsfeld [secrétaire à la Défense de l’époque, NDLR] Per queste politiche irresponsabili “.

Ma per questo esperto, l’impeachment dell’ex presidente repubblicano nel dibattito sull’immigrazione potrebbe anche essere legato a un sincero desiderio di trovare soluzioni.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *