25 aprile: muore Michel Alboreto, l’unico pilota italiano a vincere un Gran Premio del Canada!

Domenica 25 aprile 2021 di Philip Brasor

Vent’anni fa ad oggi, Michel Alboreto, l’unico pilota italiano ad aver mai vinto un Gran Premio di Formula 1 in Canada, è scomparso fino ad oggi.

Durante le prove speciali su un circuito stradale presso il complesso del Lausitzring in Germania, l’incidente mortale è avvenuto il 25 aprile 2001. Michel Alboreto, 44 ​​anni, stava quindi testando i controlli sul prototipo Audi R8 del Team Joest, in preparazione della 24 Ore di gara. Le Mans, una gara che ha vinto 4 anni fa.

Michel Alboreto, nato a Milano il 23 dicembre 1956, ha iniziato la sua carriera nel motorsport con la National One-Seater Series. Nel 1978 ha vinto il titolo italiano della Serie Fiat Abarth e due anni dopo è stato incoronato Campionato Europeo di Formula 3. Nel 1980 ha esordito anche nell’Endurance, dove è stato nominato dalla Lancia. È alle prime armi nella disciplina, aggregando ancora tre podi in quattro gare disputate.

Il suo nome è stato poi citato per fare il suo debutto in Formula 1 con l’Osella ma Alboreto ha scelto una squadra più famosa, Tyrrell. Tuttavia, i grandi anni erano finiti per la squadra di Ken Tyrrell e il pilota del Milan ha lottato con l’umile 010 Tyrrell alimentato da un Cosworth V8. Non ha segnato punti l’anno in cui ha fatto il suo debutto e non è stato fino alla stagione successiva e alla più competitiva Tyrrell 011 che ha davvero rivelato il suo incredibile talento.

I primi punti nel Gran Premio del Brasile, il primo podio di Imola (dietro il duo Didier Pironi-Gilles Villeneuve e la loro lotta per un triste ricordo), Michel Alboreto svelerà l’inizio della stagione 1982, e dopo 4 Gran Premi, occuperà. Terzo posto in campionato dietro Alan Prost e Nikki Lauda! Le gare successive sono state meno appariscenti ma Michelle Alboreto ha concluso la stagione con il botto: ha vinto l’ultimo jackpot a Las Vegas!

READ  Perché la situazione economica italiana preoccupa l'Unione Europea

Nello stesso anno, vinse anche tre gare nel Campionato del mondo Endurance di gruppo C con la Lancia, ma il marchio italiano fallì nel tentativo di vincere il titolo costruttori contro Porsche. Desideroso di conquistare il titolo mondiale nell’Endurance con la Lancia contemporaneamente alla Formula 1, rimase con Tyrrell per la stagione 1983. Ma 011 passò contro Renault, Ferrari, Williams e McLaren. Michelle ha lottato in gara ma è riuscita a cogliere la sua occasione al Gran Premio degli Stati Uniti a Detroit. Trionfa grazie al suo talento sulla meccanica. Impressionato, Enzo Ferrari gli fece un’offerta per contratto per la stagione 1984.

Pilota italiano nella rivoluzione Ferrari! Ma il 1984 è stato segnato dal predominio della McLaren su Prost e Lauda. Michel Alboreto è riuscito a vincere il Gran Premio del Belgio per un ritorno in Formula 1 a Spa-Francorchamps, prima di salire altre tre volte sul podio.

Con le speranze del 1984, la Ferrari si è affidata ad Alboreto per vincere il titolo mondiale nella stagione successiva. Michel non delude: è salito sul podio 5 volte durante i suoi primi 6 Gran Premi. Ha vinto il circuito a Gil Villeneuve (foto sopra), poi a Hockenheim. La sera del Gran Premio d’Austria, ha pareggiato per la prima volta in campionato con Alain Prost. In Ferrari, pensiamo che il titolo sia arrivato … ei meccanici hanno tradito Michelle 5 volte durante i loro ultimi 5 Gran Premi! Questo fallimento, a causa di crisi interne alla Ferrari, ha colpito duramente Michelle.

Rimase con la Ferrari nel 1986, 1987 e 1988 ma ottenne solo 7 podi in tre stagioni. Demotivato, dominato dal compagno di squadra Gerhard Berger, si è assicurato la licenza dalla Scuderia alla fine della stagione 1988 e ha trovato rifugio con … Terrell, la squadra dove ha fatto il suo debutto in Formula 1.

READ  Dopo aver attraversato il Rubicone

La stagione 1989 iniziò con tre dei primi 10 giocatori, ma Alboreto era sostenuto da Marlboro e Terrell aveva appena firmato una sponsorizzazione da Camel. Fedele in azione, Michelle lascia Tyrrell e si ritrova senza fretta. Finì per entrare nell’umile squadra del Larrousse, stranamente supportato dal Camel, a fine stagione, non riuscendo a segnare un solo punto e addirittura a perdere la qualificazione in alcune occasioni.

Dal 1990 al 1992 ha giocato per Arros e non ha segnato punti nelle prime due stagioni prima di segnarne 3 nel 1992. Ha giocato le sue ultime due stagioni con la Scuderia Italia (entrata nella struttura Lula sponsorizzata dalla Ferrari) nel 1993 e Minardi nel 1994. Ha segnato il suo ultimo punto in Formula 1 al Gran Premio di Monaco del 1994.

Successivamente, Michelle passa al DTM (con l’Alfa Romeo) e poi alla IndyCar, per alcune gare. È tornato al suo primo amore per il motorsport, l’Endurance, nel 1996. L’anno successivo, Michael, legato a Stefan Johansson e Tom Christensen, ha vinto la 24 Ore di Le Mans sul prototipo TWR-Porsche della Joest Racing.

Dal 1999, Joest è il team Audi ufficiale e Michel ha naturalmente continuato ad avventurarsi con il team tedesco. Il tempo del successo sembra essere tornato: quarto nel 1999 e terzo nel 2000 a Le Mans. Nel 2001, Michelle Alboreto ha iniziato con successo la stagione alla 12 Hours of Sebring.

Il 25 aprile, una foratura di oltre 320 km / h dalla gomma posteriore sinistra della sua Audi R8 l’ha mandata nei binari prima di rimbalzare di nuovo nella pista del barile. Il pilota è morto sul colpo. L’Italia ha appena perso uno dei suoi più grandi piloti e un vero appassionato di motori.

READ  Tunisia [Vidéo]: La questione rifiuti in Italia, conferenza stampa per gli avvocati di Sousse sulla situazione del loro collega arrestato

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *