È stato arrestato perché aveva mostrato il dito medio a un agente di polizia: un americano ha ricevuto un risarcimento di 175mila dollari Usa

È stato arrestato perché aveva mostrato il dito medio a un agente di polizia: un americano ha ricevuto un risarcimento di 175mila dollari Usa

Un uomo americano che è stato arrestato da un agente di polizia per un semplice dito medio e costretto a destreggiarsi nel sistema giudiziario per un anno prima che le accuse cadessero, secondo quanto riferito, ha ricevuto un risarcimento di 175.000 dollari.

“Con questo accordo, spero che la Polizia di Stato del Vermont addestrerà i propri agenti a evitare di mettere a tacere le critiche o di effettuare fermi di veicoli infondati. Almeno ora posso pagare un avvocato.” […] “E porto fuori mia madre, 88 anni, a una bella cena”, ha reagito mercoledì il maestro della cerimonia, Gregory Bombard, in un comunicato stampa citato da NBC News.

L’incidente sarebbe avvenuto nell’inverno del 2018, quando l’agente della polizia di stato del Vermont Jay Riggen costrinse l’uomo, che era alla guida di una Mazda, a fermarsi sul lato della strada dopo averlo visto alzare il dito medio nella sua direzione.

“Hai bisogno di qualcosa? Perché sembrava che mi guardassi dritto negli occhi e mi avessi messo il dito medio in faccia”, ha detto l’ufficiale di polizia all’autista, secondo le immagini della telecamera dell’auto della polizia condivise dalla Individual Rights and Expression Foundation (NAR) ).

Ma l’autista avrebbe negato di aver mai alzato un dito in direzione del poliziotto, tanto che, dopo un’accesa discussione, quest’ultimo lo avrebbe lasciato andare, concedendogli il beneficio del dubbio.

Ma pochi secondi dopo essere sceso dall’auto, l’agente di polizia ha riacceso la sirena, indicando ad alta voce che Gregory Bombard lo aveva insultato prima di alzare nuovamente il dito medio nella sua direzione.

Questa volta lo avrebbe arrestato per “comportamento disordinato” e lo avrebbe ammanettato alla stazione di polizia dove è stato trattenuto per un’ora prima di essere rilasciato.

READ  Biden dice che è più entusiasta di candidarsi per un secondo mandato se Trump è un candidato

Secondo quanto riferito, un’accusa penale è stata intentata contro di lui, prima che fosse ritirata quasi un anno dopo.

L’uomo avrebbe poi scelto di sporgere denuncia contro le forze di polizia, per aver violato la sua libertà di parola nonché il Quarto Emendamento, che vieta perquisizioni e sequestri irragionevoli.

“La polizia deve rispettare i diritti del Primo Emendamento di tutti, anche per cose che ritiene offensive o offensive”, ha affermato in una lettera inviata Hillary Rich, avvocato dell’American Civil Liberties Union (ACLU) del Vermont.

Mercoledì la polizia del Vermont ha confermato che era stato raggiunto un accordo del valore di 175.000 dollari (circa 238.000 dollari canadesi), spiegando che l’agente di polizia coinvolto si era dimesso.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *