Conferenza al CORIM | L’ambasciatore cinese rimuove tutte le critiche

(Ottawa) campi di rieducazione nello Xinjiang come “scuole”. I processi di Mikhail sono condotti secondo le regole dell’art. Il National Security Act di Hong Kong ha consentito una transizione dal “caos” allo “stato di diritto”.




Melanie MarquezMelanie Marquez
Giornalismo

Queste sono alcune delle risposte fornite dall’ambasciatore cinese in Canada, Kong Pyo, al quale il Council on International Relations di Montreal (CORIM) ha presentato martedì a mezzogiorno un forum moderato dall’ex primo ministro del Quebec Pierre Mark Johnson.

La Missione di Pechino di Schiff De ad Ottawa ha trascorso otto minuti a fare una presentazione sulla storia dell’Impero Centrale, includendo come pietre miliari la creazione della Repubblica Popolare Cinese e l’instaurazione di varie relazioni diplomatiche, in particolare quelle con il Canada.

Per quanto riguarda la diplomazia, ha detto, il regime cinese “ha sempre creduto che la conversazione sia migliore del confronto”. Una volta terminato il suo discorso di otto minuti, il conduttore lo ha definito la questione economica prima di trasformarsi in tre questioni più complesse.

Il genocidio dello Xinjiang, la detenzione arbitraria dei canadesi Michael Coffrig e Michael Spavor – i due sono stati processati per spionaggio a porte chiuse tre settimane fa e sono ancora in attesa di un verdetto – e la controversa legge sulla sicurezza nazionale che Pechino ha adottato per portarli sotto controllo. Hong Kong.

In ogni caso, l’ambasciatore Kong ha sottolineato che la Cina non aveva nulla da incolpare.

In primo luogo, per quanto riguarda la situazione della minoranza musulmana uigura nello Xinjiang, l’Occidente ha nuovamente accusato, “compreso il Canada,” di interferire negli affari interni della Cina “anche, con il pretesto dei diritti umani,” e sottolineando l’esistenza del “nulla è un genocidio. ”

READ  Matt Rush Limbaugh, icona della radio conservatrice

In effetti, il regime di Xi Jinping è impegnato in una “guerra contro il terrorismo e la secessione”, una battaglia che coinvolge specificamente l’istruzione. “Lo chiami campi [de rééducation]Ma queste sono scuole, in effetti “.

Gli Stati Uniti hanno concluso che gli uiguri sono stati oggetto di genocidio. In Canada, il governo Trudeau non è pronto ad andare così lontano, nonostante il rappresentante conservatore Michael Chung abbia approvato una proposta unanime alla Camera dei Comuni che riconosce l’esistenza del genocidio.

Sono entrambi Michael

L’ospite dell’evento virtuale ha discusso con il suo ospite il caso di Michael, arrestato in Cina il 10 dicembre 2018, pochi giorni dopo essere stato arrestato, in Canada, e su richiesta degli Stati Uniti, riguardo al numero Huawei . Due, Meng Wanzhou.

L’ambasciatore ha affermato che i due uomini non sono stati sottoposti a maltrattamenti in prigione, “privazione del sonno, confisca degli occhiali da lettura, questo non è vero”, e che il sistema giudiziario ha “forti prove” che “hanno rubato segreti di stato e preso all’estero. ” Destinazioni.

Kong Pyo ha insistito sul fatto che se i procedimenti legali si svolgono a porte chiuse, è proprio a causa della natura delle accuse contro l’ex diplomatico e uomo d’affari. Questo è il motivo per cui non è aperto al pubblico. Ha detto: avete pratiche simili in Canada.

Pierre Mark Johnson lo ha cortesemente corretto.

“Anche se è vero che alcuni aspetti delle questioni di sicurezza nazionale non vengono trattati pubblicamente, c’è sempre un avvocato esterno che esamina le prove e formula raccomandazioni al giudice su quali parti possono essere rese pubbliche”. , Ha sollevato il consulente legale di Lavery.

READ  Quasi 3 trilioni di dollari di potenziale investimento nell'ufficio di Biden

Hong Kong

Un altro file e un’altra negazione.

Alla domanda sull’imposizione del National Security Act a Hong Kong, Kong Pyo ha detto che è stato visto positivamente perché ha aiutato a superare il “caos” che prevaleva prima che la legge fosse approvata, ad esempio. Pechino, allo “stato di diritto”.

Nel 2019, ci sono stati crimini d’odio per le strade di Hong Kong contro cittadini innocenti, persino agenti di polizia. Non può essere tollerato […] Perché non può essere tollerato da nessun’altra parte, come gli Stati Uniti o qui in Canada.

Il parlamento cinese ha adottato questa controversa clausola di sicurezza nazionale nel maggio 2020 in risposta alle proteste che hanno scosso l’ex colonia britannica nel 2019. Ha suscitato sentimenti di indipendenza nell’ex colonia, che è stata consegnata alla Gran Bretagna nel 1997.

Presenza controversa

L’invito di CORIM all’ambasciatore cinese – su richiesta dell’ambasciata cinese in Canada – è stato È stato criticato da alcuni osservatori, in particolare dall’ex ambasciatore di Ottawa a Pechino, Guy San Jacques.

Non ascoltava gli hadith “in linea di principio”.

“Mi risulta che sia stato invitato nel 2019, è appena arrivato nella posizione. Diamo una possibilità al corridore. Era opportuno. Ma nel frattempo sono successe tante cose. [dans les relations sino-canadiennes]. “Kurim mi ha deluso”, spiega in un’intervista.

Guy Saint-Jacques osserva di conoscere in modo particolare “tutti gli sforzi di propaganda” in cui è coinvolto il sistema scelto a livello internazionale. “Perché ha ottenuto una piattaforma in cui ha ripetuto le stesse cose, che tutto questo è colpa del Canada?”, Chiede Guy Saint-Jacques.

READ  Lobby di Venezia | La NRA è stata arrestata dalla giustizia di New York

CORIM ha difeso la sua decisione di fare un’offerta per Cong Peiwu in Una lettera aperta pubblicata a pagine Giornalismo.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *