Cinque anni di carcere richiesti per il più grande sospettato nazista della Germania

Martedì l’ufficio del pubblico ministero tedesco ha chiesto una condanna a cinque anni di reclusione contro Josef Schutz, 101 anni e più, un nazista accusato di crimini, che è stato processato per abusi commessi mentre era una guardia nel campo di concentramento di Sachsenhausen.

È stato perseguito per “complicità” nell’omicidio di 3.518 prigionieri quando ha lavorato tra il 1942 e il 1945 in questo campo a nord di Berlino, ma l’ex sottufficiale delle Waffen SS, se condannato, deve evitare il carcere a causa della sua salute fragile.

Il pm Cyril Clement ritiene di aver “confermato pienamente le prove presentate dall’accusa”, accusandolo non solo di adattare le condizioni del campo, ma anche di lavorarvi.

Durante il processo, iniziato in ottobre presso il tribunale di Brandenburg-sur-la-Havel (est), il centenario ha affermato di non avere responsabilità a Sachsenhausen.

Sostiene di essere stato impegnato nell’agricoltura durante questo periodo, nonostante i documenti dimostrino il contrario.

Per il pubblico ministero, “non c’è dubbio che il signor Schutz ha lavorato a Sachsenhausen”.

Quindi l’accusa ha chiesto una pena più lunga della pena detentiva minima di tre anni per la loro complicità negli omicidi del diritto penale tedesco.

Il signor Schutz è rimasto pigro quando è stata annunciata l’acquisizione.

Il verdetto è atteso per i primi di giugno.

Avendo a lungo mostrato poco entusiasmo nel perseguire tutti gli autori di crimini nazisti, la Germania ha ampliato le sue indagini di dieci anni. Le guardie del campo e altri esecutori della macchina nazista potrebbero essere perseguiti per complicità nell’omicidio.

I processi di questi imputati al culmine della loro vita sollevano interrogativi sul significato di questa giustizia ritardata.

READ  vedere | Nubi spettacolari simili a un oceano

Joseph Schutz è stato interrotto più volte a causa delle sue condizioni di salute.

Aveva 21 anni quando è iniziato l’incidente. È particolarmente sospettato di aver sparato a prigionieri sovietici e “aiutato e favorito” gli “omicidi gassanti” dello Zyklon B.

Tra la sua apertura nel 1936 e la sua liberazione da parte dei sovietici il 22 aprile 1945, il campo di Sachsenhausen tenne circa 200.000 prigionieri, per lo più oppositori politici, ebrei e omosessuali.

Decine di migliaia di loro sono morte, la maggior parte vittime di burnout a causa del lavoro forzato e delle condizioni di detenzione.

“Il processo è stato significativo perché ha dimostrato, in conformità con lo stato di diritto, che il concetto di sterminio di persone considerate nemiche o vite ‘indegne’ non ha limiti”, ha spiegato Thomas Walter, avvocato di 11 delle 16 parti civili. AFP. In questo processo, di cui sette sopravvissuti.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.