Chi era veramente Giordano Bruno?

Colloquio. Da Giordano Bruno (1548-1600) sappiamo anzitutto che morì infuocato di eresia dopo essere stato giudicato colpevole dall’Inquisizione. Questo fratello domenicano, dotato di uno spirito radioso e coraggioso, si oppose ai limiti intellettuali del suo tempo per sviluppare un’idea, dall’infinito dell’universo alla divinità di tutte le cose, che definisse un legame tra filosofia medievale e pensiero moderno .

Questo percorso è stato restituito Giordano Bruno. Citato il genio dell’Inquisizione Scritto da un uomo curioso come il suo famoso soggetto: Jack Arnold, consigliere etico presso il Centro nazionale per gli studi spaziali (CNES). Appassionato di astronomia, evoluzione degli esseri viventi e teologia, questo ex domenicano di 60 anni è l’autore Teologia dopo Darwin (Cerf, 1998), da Dio contro Darwin. I creazionisti trionferanno sulla scienza? (Albin Michel, 2009) e Sotto il velo dell’universo. Quando gli studiosi parlano di Dio (Albin Michel, 2015).

La vita errante di Giordano Bruno iniziò nel 1576 quando fu accusato di eresia e costretto a fuggire dai domenicani. Com’era la vita di questo “uomo in bianco” come lo chiami tu durante questo periodo della sua giovinezza?

Jack Arnold. Questa prima parte della vita di Giordano Bruno è simile a quella di molti suoi contemporanei, cioè il percorso di un giovane brillante studente, sacerdote e poi lettore di teologia, dandogli il diritto di insegnare. Entrò nel rango di Predicatori per nobili motivi, ma anche perché il monastero poteva emergere come rifugio in questo momento estremamente travagliato.

Sotto il suo vestito bianco domenicano, ci sono alcuni indizi che in realtà mostrano l’esclusività, come il suo rifiuto delle immagini sacre o la croce dalla sua stanza da cui Cristo è stato portato via. Ha anche una curiosità intellettuale senza limiti: Bruno conosce tutti i suoi vecchi libri classici e scolastici, ma legge anche libri vietati agli umanisti come Erasmo (1469-1536) o studiosi come Nicola Copernico (1473-1543).

READ  I ricoveri sono ancora in aumento in Quebec

Da quel momento in poi, ha cercato di suscitare polemiche con i suoi fratelli difendendo un atteggiamento di apertura. Ma a questo si mescola un pizzico di provocazione, che lo porta in particolare a prendere come esempio gli autori eretici, e finisce per accusarlo di eresia. Quindi deve fuggire nel 1576, che è il passaggio da “L’uomo in bianco” a “L’uomo in nero”: da lì, si vestirà discretamente solo con un pezzo di stoffa nera.

Hai il 77,62% di questo articolo da leggere. Il resto è solo per gli abbonati.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *