Approvata l’adesione dell’Ucraina all’Unione Europea

Giovedì i 27 leader di Ucraina e Moldova hanno riconosciuto il loro status di candidati all’UE, ha dichiarato il presidente del Consiglio europeo Charles Michel, evocando un “momento storico”, in una vera e propria offensiva russa.

• Leggi anche: Giorno 120: 3 cose da ricordare sulla guerra in Ucraina

• Leggi anche: “Nessuna città” nella regione di Donetsk è “sicura” per i suoi residenti

Questa decisione, accolta subito con favore da Kiev, presa al Vertice dei Capi di Stato e di Governo dell’Unione Europea a Bruxelles, segna l’inizio di un lungo e complesso percorso di adesione.

“La giornata di oggi segna un’importante pietra miliare nel tuo cammino verso l’Unione Europea”, ha detto Charles Michel su Twitter, congratulandosi con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky e la presidente moldava Maya Sandu e i loro due popoli. “Abbiamo un futuro insieme”, ha detto, twittando anche nelle lingue di quei paesi.

La Georgia, che aspira anche ad entrare nell’Unione Europea, dovrà ancora fare delle riforme per ottenere questo status. Tuttavia, i ventisette in lui si resero conto del “potenziale” di entrare un giorno nella Federazione.

“Il futuro della Georgia è all’interno dell’Unione Europea”, ha detto Charles Michel.

I leader hanno seguito le opinioni del Comitato espresse la scorsa settimana su queste tre ex repubbliche sovietiche.

READ  "Nessuno dovrebbe essere orgoglioso di essere lì", ha detto Claudie dal Sud Africa.

Questo Consiglio europeo è “storico”, ha dichiarato il cancelliere tedesco Olaf Schulz al suo arrivo al vertice.

Ucraina, Moldova e Georgia hanno presentato la loro candidatura poco dopo lo scoppio della guerra guidata da Mosca in Ucraina alla fine di febbraio.

L’Unione europea non è mai stata pronta a concedere questo status, che è una nuova prova della sua solidarietà con Kiev e Chisinau.

Tuttavia, molti rappresentanti degli Stati membri hanno avvertito che gli ucraini “non devono farsi illusioni” sull’adesione rapida. Emmanuel Macron ha stimato a maggio che ci sarebbero voluti “decenni” per unirsi a Kiev.

La Commissione dovrebbe condurre una valutazione preliminare alla fine dell’anno delle riforme richieste ai due paesi, che riguardano in particolare la lotta alla corruzione e l’indipendenza della magistratura.

La fase successiva, l’avvio dei negoziati formali, richiederà nuovamente il consenso delle 27 nazioni.

Tali negoziati non sono ancora aperti alla Macedonia del Nord e all’Albania, candidati rispettivamente dal 2005 e dal 2014. Giovedì anche i paesi dei Balcani occidentali hanno espresso frustrazione per il ritmo lento del loro processo di adesione.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.