Vicino al fronte ucraino, rabbia contro Putin

(Mykolaiv) Un orologio da cucina rotto mostra ancora il momento in cui il primo missile russo si è schiantato nel cortile di un edificio di epoca sovietica di fronte al fronte meridionale dell’Ucraina, a Mykolaiv, una delle principali città nella fase successiva del conflitto.

Inserito alle 13:41

Dimitri Sachs
Agenzia media francese

Il secondo missile S-300 è esploso un minuto dopo all’1:44. A quel punto, Gennady Girolo era già caduto dal letto, rendendosi conto che gran parte del suo vecchio stile di vita era scomparso.

L’ingegnere ha guardato fuori dalla finestra della sua cucina distrutta ore dopo e ha visto gli scioperi nella città costiera di Mykolaiv come un segno di vittoria.

“È come un amante geloso”, ha detto il 50enne del presidente russo Vladimir Putin. Dice che se non può prendere l’Ucraina, nessuno può. »

Città dell’Ucraina meridionale come Mykolaiv giocheranno un ruolo decisivo nella prossima fase della dura guerra che il maestro del Cremlino iniziò esattamente otto mesi fa.

Un forte contrattacco ucraino, che costrinse i russi a lasciare le terre che avevano catturato nel nord industriale, raggiunse il sud agrario.

Città come Mykolaiv e Kryvyi Rih, a circa tre ore di auto a nord-est del paese, offrono agli ucraini due basi per i loro prossimi attacchi.

“animale ferito”

L’ultima ondata di missili, che ne ha colpiti quattro, ha rafforzato la convinzione di Svetlana Tishevska, una vicina dell’ingegnere Gennady Girulu, che l’Ucraina fosse sulla strada giusta.

Le autorità russe stanno già evacuando la vicina città di Kherson, l’unica capitale regionale che i russi sono stati in grado di controllare durante la guerra, iniziata il 24 febbraio.

READ  Gli Stati Uniti sono "estremamente preoccupati" per le azioni della Russia nei confronti dell'Ucraina

Una vittoria ucraina in questa regione avrebbe interrotto il ponte di terra che il Cremlino ha costruito tra la Russia e la Crimea, che ha annesso nel 2014.

Ripristinerebbe anche un accesso significativo al Mar d’Azov e lascerebbe poco spazio a Putin in una campagna militare che lo ha trasformato in un paria internazionale.

Rimuovendo i detriti dalle scale di alcuni piani sotto l’ingegnere, Svetlana Tishevska esprime quasi le stesse idee della sua vicina.

“È come un animale ferito”, ha detto del presidente russo. “È autodistruttivo e vuole trascinare gli altri con sé”.

Il muro di contenimento dell’edificio Svetlana si è incrinato e la facciata di un edificio più piccolo dall’altra parte del cortile è parzialmente crollata.

Pochi dei residenti pensano di soggiornare nell’uno o nell’altro edificio.

“Penso che la vittoria sia vicina”, ha detto la donna di 50 anni in mezzo alla devastazione.

Il sentiero della distruzione

La devastazione provocata dalle forze russe in ritirata ha provocato ostilità nei confronti di Mosca in luoghi in cui molti residenti preferiscono parlare russo e avere famiglia oltre il confine.

Sente “solo odio, puro odio per queste persone che si definiscono nostri fratelli”, dice Gwenadich Girulu, di lingua russa.

La stragrande maggioranza degli attacchi prende di mira Mykolaiv e le città circostanti dopo la mezzanotte, o quando le persone si svegliano ed escono per la prima volta quel giorno.

Il tempismo suscita molto interesse. Alcuni credono che la Russia stia cercando di demoralizzare gli ucraini privandoli del sonno.

I russi vogliono stancarci e iniziare disordini civili. «Vogliono che costringiamo il nostro governo ad arrendersi», disse l’ingegnere, «non conoscono altro modo. »

READ  La rabbia negli Stati Uniti dopo che una legge repubblicana avrebbe dovuto rendere le elezioni "più sicure".

Mykolaiv divenne l’obiettivo di Mosca nelle prime settimane dell’invasione. I russi stavano facendo enormi guadagni e prendevano di mira il vicino porto di Odessa, sul Mar Nero, una capitale culturale di cui Putin ha menzionato quando è andato in guerra.

Mykolaiv soffre per la seconda volta con il ritiro delle truppe russe.

Ma Lyudmila Falko, un’accademica e volontaria part-time, sembra quasi felice mentre cerca ciò che resta dell’appartamento di sua figlia.

“I droni Kamikaze e questi missili sono le sue ultime opere”, conferma questa donna di 60 anni, a proposito del presidente russo. “I bambini muoiono, i vecchi muoiono perché stanno morendo.”

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.