Val de Bree. Nuovo capitolo in Chalet du Lac

Alla domanda sulla recente acquisizione di Chalet du Lac, Julien Frohn ci ha immediatamente portato nel regno delle emozioni. Perché sì, dietro l’acquisizione dell’impresa che fino a poco tempo fa possedeva Florent Ibavik, c’è un po’ della sua storia personale. E c’è soprattutto il ricordo del compianto Jackie, con il quale è apparso per la prima volta come chef allo chalet. “Avevo 17 anni, Jackie, era come un padre per me”.

Apertura ad aprile

Intraprendendo questa nuova avventura, proprietario de La Clauserie – gestita da Florent Bravetti – e della Brasserie de la Clauserie, Julien Frohn torna in qualche modo “alle sue radici”. “La sua idea? Porta un sapore italiano in questo ristorante situato nel cuore del lago Leech. “Ma specifica che non vengo a gareggiare. Cercherò semplicemente di fare ciò che gli altri non fanno suggerendo un nuovo concetto, leggermente fuori dagli schemi, in termini di setup e tavola. Tutti i prodotti proverranno dall’Italia. »

Per farti un’idea del nuovo destino dello Chalet du Lac, perché il ristorante manterrà il suo nome, dovrai aspettare fino all’inizio di aprile. “I lavori sono già iniziati. Sul sito saranno previste una sessantina di coperti all’interno, mentre la terrazza ne fornirà circa 80.

Questo contenuto è stato bloccato perché non hai accettato i tracker.

clic ” Concordo “, i tracker verranno depositati e potrai visualizzarne i contenuti .

clic “Accetto tutti i traccianti”Autorizzi il deposito di tracker a memorizzare i tuoi dati sui nostri siti Web e applicazioni ai fini della personalizzazione e del targeting pubblicitario.

Ti riservi la possibilità di revocare il tuo consenso in qualsiasi momento.
Gestisci le mie scelte

READ  Il negozio Printemps in Place d'Italie chiuderà i battenti e verranno tagliati 120 posti di lavoro


Arriva una guinguette?

Parallelamente a questo progetto, Julien Frohn ne ha un altro: “Vorrei aprire una Guinguette nel vicino parco, per offrire alle persone un luogo accogliente. Se tutto questo si avvererà, si chiamerà “Chez Jacky”, e le band locali potranno esibirsi lì. »

A 42 anni, il figlio di Moutier, Julien Fron, crede ancora in questa città di Bree che vede come “una buona scossa. Ci sono molti attori economici, un vero slancio. Tutto questo nonostante lo stress causato dalla crisi sanitaria”. ci vuole coraggio per iniziare, ma questa è la mia passione. »

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.