Uno dei “Beatles” dello Stato Islamico si dichiara colpevole davanti alla giustizia americana

Un membro del gruppo di rapitori dello Stato Islamico (ISIS) noto come “The Beatles” giovedì ha ammesso la complicità nei rapimenti e nelle uccisioni di ostaggi occidentali, tra cui quattro americani, in una corte federale degli Stati Uniti.

• Leggi anche: L’Afghanistan aspetta il nuovo governo e le donne manifestano per i loro diritti

Alexanda Kotey, un ex britannico di 37 anni, si è finora dichiarato non colpevole dell’accusa in un tribunale di Alessandria vicino a Washington, insieme a El-Shafei El-Sheikh, 33 anni, uno degli altri quattro membri del gruppo.

Sono specificamente accusati di coinvolgimento negli omicidi dei giornalisti americani James Foley e Stephen Sotloff, uccisi nel 2014, e negli omicidi degli operatori umanitari Peter Kassig e Kayla Mueller.

Il giudice TS Ellis, che presiedeva l’udienza, emetterà il verdetto il 4 marzo 2022. L’imputato rischia diversi ergastoli senza diritto al rilascio anticipato.

Dichiarandosi colpevole, il rappresentante dell’accusa, Raj Parikh, ha dichiarato in tribunale di “accettare di passare il resto della sua vita in prigione”.

Alexanda Kotey ha stipulato un accordo con il governo per fornire tutte le informazioni in suo possesso sulle sue azioni in Siria, nonché a qualsiasi governo straniero che ne faccia richiesta.

L’accordo prevede anche che sarà estradato nel Regno Unito dopo 15 anni di carcere, dove sarà anche processato per rapimento e uccisione di ostaggi.

Era un ex venditore di articoli sportivi nato a Londra che divenne un estremista di lingua inglese.

Ha spiegato in una dichiarazione di essersi unito alla Siria per combattere il regime del presidente Bashar al-Assad, ritenendo che “il concetto islamico di jihad armato abbia un grande valore e una causa legittima”. Successivamente si è unito all’unità dell’ISIS responsabile del rapimento e della detenzione di ostaggi non musulmani.

READ  Trump tornerà presto sui social media con la sua 'piattaforma privata'

“Ero coinvolto in un complotto per catturare gli ostaggi e chiedere il riscatto, sapendo che questi rapimenti avrebbero provocato la morte di ‘ostaggi'”, ha detto il giudice Ellis.

In aula erano presenti i familiari delle quattro vittime americane. Il procuratore Dennis Fitzpatrick ha dichiarato di aver concordato l’accordo tra gli imputati e le autorità.

La mère de James Foley, giornalista dont la décapitation filmée avait marqué les esprits, a lancé, devant le tribunal, un appel au président Joe Biden et à “tous les Américains” pour que les États-Unis “protagesègenté les américa” ​​Nel mondo “.

“Il fatto che si dichiari colpevole non ridurrà la sofferenza delle vittime della sua crudeltà, ma spero che ricorderà al mondo l’impegno incrollabile dell’FBI nel trovare tutti coloro che hanno causato sofferenza ai cittadini americani, ovunque si trovino”, Egli ha detto. Stephen M. Dantono dell’FBI, citato in un atto giudiziario.

Alexanda Koti e Al-Shafei Al-Sheikh sono stati catturati nel gennaio 2018 dalle forze curde siriane, quindi consegnati alle forze armate statunitensi in Iraq.

Sono stati estradati negli Stati Uniti dall’Iraq nell’ottobre 2020 per comparire davanti alla giustizia americana.

Londra, che all’inizio non voleva perseguirli sul suo territorio, li ha privati ​​della cittadinanza britannica.

La loro estradizione negli Stati Uniti è stata possibile solo dopo che le autorità statunitensi hanno assicurato a Londra che non avrebbero chiesto una condanna a morte nel caso.

Task Force 8-14

Alexanda Kotey e El Shafee Elsheikh appartengono alla cella che gli ostaggi hanno chiamato “The Beatles” per via del loro accento britannico.

Entrambi gli uomini sono cresciuti nel Regno Unito, dove si sono radicalizzati, prima di unirsi all’ISIS in Siria nel 2012.

READ  Afghanistan | I talebani sono stati accusati di "massacri" di civili

Sono accusati di aver rapito ostaggi americani, europei, giapponesi e siriani tra il 2012 e il 2015 e di aver torturato e ucciso le loro vittime, in particolare mediante decapitazione. I video dell’assassinio, diffusi dallo Stato Islamico a fini di propaganda, hanno scioccato il mondo intero.

Si dice che i due uomini abbiano supervisionato privatamente i luoghi in cui erano tenuti gli ostaggi e coordinato le trattative per il riscatto via e-mail. Il signor Fitzpatrick ha dichiarato di aver denunciato “violenze fisiche e psicologiche prolungate” contro gli ostaggi.

Il presunto leader della cellula, Mohamed Emwazi, soprannominato “Jihadi John”, è stato ucciso in un attacco aereo statunitense in Siria nel novembre 2015, mentre il quarto “Beatle”, Ayn Davis, è detenuto in Turchia dopo essere stato condannato per terrorismo nel 2017.

L’operazione militare statunitense in cui il leader dell’ISIS Abu Bakr al-Baghdadi è stato ucciso nell’ottobre 2019 si chiamava “Divisione 8-14” in riferimento al compleanno di Kayla Mueller. La giovane umanitaria è stata rapita ad Aleppo, nel nord della Siria, nell’agosto 2013. Secondo i suoi genitori, è stata prima torturata dai suoi carcerieri e poi consegnata alla fine del 2014 ad al-Baghdadi, che l’avrebbe violentata alla fine del 2014 Diverse volte prima di ucciderla.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *