Un’Italia “di estrema destra” sminuirebbe l’unità dell’Europa di fronte a Vladimir Putin, avverte il leader socialista europeo

I partiti progressisti italiani dovrebbero unire le forze per impedire che l’estrema destra salga al potere, poiché ciò indebolirebbe l’unità dell’Europa di fronte all’aggressione russa, ha affermato a EURACTIV Italia Iratxe García, leader dei Socialisti e Democratici al Parlamento europeo (S&D). prima di un voto cruciale il 25 settembre.

“Minerebbe ulteriormente i nostri valori europei fondanti di uguaglianza, democrazia e stato di diritto e indebolirebbe l’unità e la solidarietà di cui abbiamo così tanto bisogno oggi di fronte all’aggressione di Vladimir Putin, a causa del loro programma nazionalista”disse la signora García.

“La situazione è preoccupante, ma sono convinto che gli italiani non virano all’estrema destra”lei ha aggiunto.

Secondo l’ultimo sondaggio condotto da Supermedia Agi/You Trendla coalizione di destra guidata da Giorgia Meloni (gruppo Fratelli d’Italia, conservatori e riformisti europei), con la Lega di Matteo Salvini (gruppo ID al Parlamento europeo) e Forza Italia (Partito popolare europeo) di Silvio Berlusconi, dovrebbe vincere con 48,2% dei voti.

Segue la coalizione di sinistra di Enrico Letta, guidata dal Pd, con il 29,5%.

Terzo il Populista Movimento 5 Stelle con il 10,9%, mentre la coalizione centrista cosiddetta “Terzo Polo”, composta dal partito Italia Viva di Matteo Renzi e dal partito Azione di Carlo Calenda, potrebbe ottenere il 5,9% delle voci.

Secondo García, molti italiani sono infelici perché vedono aumentare le disuguaglianze sociali, il peggioramento delle condizioni e delle opportunità di lavoro e problemi globali come la migrazione e l’emergenza climatica.

“Ma ricorrere all’isolazionismo non risolverà questi problemi”ha avvertito, aggiungendo che i partiti progressisti dovrebbero unire le forze per costruire alleanze europee e affrontare insieme queste sfide.

Finora il Pd è riuscito a unire sette partiti di sinistra, ma finora questo non sembra essere sufficiente per battere la destra emergente.

READ  Chelsea: l'arbitro shock ha fatto scandalo in Italia

“Più siamo forti in Europa, più possiamo promuovere politiche per garantire sviluppo sostenibile, posti di lavoro equi, giustizia sociale e maggiore uguaglianza di genere. E serve un governo europeista in Italia che capisca che affrontiamo il futuro insieme, da europei”ha concluso il capo del gruppo S&D.

Il signor Letta ha ragione a polarizzare

Secondo Udo Bullmann, eurodeputato tedesco dell’SPD socialdemocratico ed ex leader S&D, il partito di Letta fa bene a polarizzare in modo che gli italiani abbiano un’idea chiara di cosa stanno scegliendo.

“Devi presentare il tuo programma politico, la tua idea di futuro e di Europa. È importante essere davvero precisi su quello che hai fatto e su cosa vorresti fare, e soprattutto sottolineare cosa c’è in gioco se non sei al governo”ha dichiarato.

Il Sig. Bullmann ritiene che un governo guidato dai National-conservatori Brothers of Italy, “potrebbe aprire la strada […] una società intollerante chi è oggi “così colorato, così ricco nelle sue differenze”.

“Sarebbe un grande passo indietro se si permettesse a un sistema di destra più autoritario e radicale di diventare realtà in Italia”ha dichiarato.

Riferendosi a Mario Draghi, ha espresso i suoi dubbi su cosa potrebbe essere andato storto che ha portato alla caduta del suo governo.

“È molto vago. Chi porta le voci dei populisti può vincere anche se è in gran parte responsabile della situazione in cui si trova l’Italia”disse il politico tedesco.

Contagio al Parlamento Europeo?

Le imminenti elezioni italiane sono cruciali non solo per l’Italia stessa, ma anche per l’Unione Europea, poiché il loro esito dovrebbe incidere sugli equilibri politici del Parlamento Europeo.

READ  L'Italia indaga su Booking.com per "colossale" evasione fiscale - EURACTIV.com

Per le elezioni nazionali, la Meloni, che guida il partito di destra Conservatori e Riformisti europei, si è alleata con la Lega, sede del gruppo euroscettico Identità e Democrazia (ID), e con il partito di Forza. Italia, membro del Partito popolare europeo (PPE) conservatore.

I critici affermano che questa alleanza interna sposta il partito Forza Italia di Berlusconi all’estrema destra, il che potrebbe riflettersi nelle sue posizioni politiche europee.

“Già in passato pensavamo che il PPE avesse difficoltà a decidere[avec l’extrême droite]»ha affermato Bullmann, il quale ritiene che i rischi vadano oltre l’impatto delle elezioni sul gruppo PPE.

Il PPE, che includeva Fidesz del primo ministro ungherese Viktor Orbán prima di una difficile scissione, è stato precedentemente criticato per aver consentito al partito ungherese di rimanere al suo interno nonostante le ripetute accuse di declino della democrazia nel paese.

Secondo il signor Bullmann, un governo di “destra radicale” in Italia potrebbe aprire la strada a una “organizzazione” della democrazia in uno stato fondatore dell’UE, “riportandoci al passato economico illiberale, rafforzando gli aspetti della non tolleranza nella società e approfondendo le disuguaglianze”.

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.