Un incendio in una fabbrica cinese ha ucciso almeno 38 persone

(Pechino) Oggi, martedì, i media statali hanno affermato che 38 persone sono state uccise e altre due ferite in un incendio in una fabbrica nella Cina centrale, e le autorità hanno accusato i dipendenti di maltrattamento.


La tragedia, per la quale le autorità si sono scusate, è avvenuta lunedì pomeriggio in una fabbrica nella città di Anyang, nella provincia di Henan, secondo la China News Agency.

Secondo i media statali, i servizi di emergenza sono stati allertati per un incendio alle 16:22 (3:22 ​​EDT) presso il sito aziendale di Kaixinda.

“Dopo aver ricevuto l’allarme, i vigili del fuoco municipali hanno immediatamente inviato le squadre sul posto”, ha detto l’emittente statale Cctv.

“La pubblica sicurezza, i servizi di risposta alle emergenze, l’amministrazione comunale e le unità di alimentazione elettrica sono arrivate rapidamente sul posto per le operazioni di soccorso e salvataggio”, ha aggiunto, aggiungendo che l’incendio è stato spento intorno alle 23:00.

I filmati diffusi dai media statali hanno mostrato dense nuvole di fumo nero dalle fiamme, con almeno due autopompe sulla scena che lavorano per domare le fiamme.

Un altro videoclip mostra il corpo carbonizzato dell’edificio dopo che l’incendio è stato spento.

Un primo rapporto ha detto che 36 persone sono state uccise e due disperse.

Separatamente, due persone sono rimaste ferite e portate in ospedale, ma le loro vite non sono in pericolo, ha riferito la CCTV.

Profonda autocritica

Le autorità hanno affermato che i sospetti sono stati arrestati in relazione all’incendio.

“Secondo i primi elementi, questo incidente è stato causato da una manipolazione irregolare da parte di un dipendente dell’azienda: l’incendio è stato causato da un’operazione di saldatura elettrica.

READ  Ucraina: Mosca esclude ogni "concessione" durante i colloqui con Washington

Martedì il presidente Xi Jinping ha emesso una direttiva, chiedendo “ogni sforzo” per “curare i feriti”.

Ha sottolineato che “occorre anche fare piena luce su questa vicenda e attribuire responsabilità con la massima serietà”.

Di fronte alla prevalenza di questo tipo di incidenti in Cina, ha esortato tutte le autorità locali del Paese ad “assumersi le proprie responsabilità in termini di sicurezza sul lavoro e indagare su tutti i tipi” di rischi.

Di fronte alle ripercussioni del caso, il segretario del Partito comunista di Anyang, la figura politica di più alto rango della città, si è pubblicamente inchinato in segno di scuse durante una conferenza stampa organizzata martedì sera.

A nome delle autorità comunali, […] “Offro la mia più profonda autocritica di fronte a tutta la gente della città e offro a tutta la comunità le mie sincere scuse”, ha detto Yuan Jiajian con una faccia seria.

Secondo il database Tianyancha, Kaixinda Trading è un grossista di macchinari, materiali da costruzione, prodotti chimici non pericolosi, abbigliamento e attrezzature antincendio.

precedenti

Gli incidenti sul lavoro sono comuni in Cina e sono spesso causati dal mancato rispetto delle norme di sicurezza.

Sempre lunedì, secondo i media statali, si è verificata un’esplosione in un impianto chimico nel nord della Cina, che non ha riportato un bilancio delle vittime ma ha riportato danni materiali agli edifici circostanti.

Questo incidente è avvenuto a Taiyuan, la capitale della provincia dello Shanxi, secondo il quotidiano provinciale Dahibao che cita le autorità.

Secondo i video pubblicati sui social media, nel sito è scoppiato un incendio, vomitando un fumo grigio molto denso che ha formato enormi funghi nel cielo.

READ  Fuoco della California | 2000 nuovi sfratti, piccola cittadina distrutta

Altre immagini mostrano abitazioni a terra disseminate di schegge di vetro, e persone spaventate che lasciano edifici o telai di finestre che cadono sotto edifici, causati dallo scoppio dell’esplosione.

Nel marzo 2019, l’esplosione di un impianto chimico nella città di Yancheng, 260 chilometri a nord di Shanghai, ha ucciso 78 persone e distrutto case per diversi chilometri.

Ma uno degli incidenti industriali più gravi è quello avvenuto nel 2015 a Tianjin (Nord). Una massiccia esplosione in un magazzino chimico ha ucciso almeno 165 persone in questa grande città portuale, 120 chilometri a sud-est di Pechino.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.