Un grande ostacolo per i futuri insegnanti dislessici

Gli studenti dislessici temono di dover rinunciare al loro sogno di diventare insegnanti a causa del famoso esame di certificazione francese, che devono superare senza i programmi modificati di cui hanno bisogno.

“Questo è quello che voglio fare nella vita […] “Non ho mai veramente trovato un motivo per cui non mi renderebbe un buon insegnante di educazione”, dice Felix Landry, 22 anni.

Il giovane è al suo secondo anno all’Università di Sherbrooke, in una laurea in insegnamento dell’educazione fisica.

Poiché gli è stata diagnosticata la dislessia, gli sono stati concessi molti alloggi sin da quando era molto giovane, come il tempo extra per sostenere gli esami.

La dislessia è un disturbo cognitivo che fa sì che il cervello non riesca ad automatizzare la lettura. Si dice spesso che le persone che ne soffrono tendono a confondere le lettere.

Ma grazie alle sue stampelle, come l’accesso a un computer e Antidote o WordQ, il signor Landry se la cava molto bene in francese. Le era ancora debitore fino a poco tempo fa, nel CEGEP.

“Ho sempre lavorato duramente per raggiungere gli altri”, spiega, in termini di tempo e fatica.

Divieto di ingresso

Ora c’è un grosso ostacolo per lui: ha già fallito due volte l’esame di certificazione in francese scritto per l’insegnamento (TECFÉE), che tutti i futuri insegnanti devono superare. Questo test è stato criticato per il suo livello di difficoltà e negli ultimi anni ha fatto scorrere molto inchiostro.

Tuttavia, durante il TECFÉE non è consentito alcun software di correzione, assistenza alla scrittura o sintesi sonora, in quanto ciò comprometterebbe la natura della valutazione, spiega Brian St Louis del Dipartimento per l’istruzione superiore.

READ  Diabete: aumento del rischio di abuso di alcol

Per l’Unione degli studenti del Quebec, questa situazione è “allarmante”, perché TECFÉE è una sorta di barriera all’accesso alla professione per le persone con dislessia.

Sono chiaramente svantaggiati […] Abbiamo cercato altre soluzioni per renderlo equo? chiede il capo Sami Jean Tremblay.

Anche in matematica

Naomi Shoret ha sempre aiutato i suoi amici con esercizi di matematica. Il 23enne sta studiando per la sua laurea in Educazione matematica al liceo.

Ma soffre anche di dislessia. Deve ancora superare il TECFÉE dopo tre tentativi, il che si mette sulla sua strada.

“Sto iniziando a considerare opzioni diverse dall’insegnamento”, sospira la persona che ha sempre desiderato fare quel lavoro.

Nel frattempo, un numero senza precedenti di persone non qualificate, che non hanno seguito gli stessi corsi di pedagogia o gestione della classe, ora insegna nelle scuole a causa della carenza di personale.

La stessa prova per tutti

“Perché superiamo lo stesso test [de français] Per tutti? chiede Christian Leclerc, direttore generale della Federazione degli educatori fisici del Quebec.

Dopotutto, la realtà di un insegnante di francese o di storia non è affatto la stessa dell’educazione fisica.

Ad esempio, Felix Landry avrebbe diritto ai suoi dispositivi correttivi per scrivere le sue e-mail ai suoi genitori o preparare i suoi aceti, osserva il giovane. Per quanto riguarda la qualità del suo francese orale, non rappresentava un problema, poiché la sua difficoltà di apprendimento riguardava solo la scrittura.

Da parte sua, il Ministero dell’istruzione superiore nota via e-mail che “gli insegnanti devono dimostrare competenze linguistiche di alto livello nella lingua di insegnamento, indipendentemente dalla disciplina che sono chiamati a insegnare”.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *