Ucraina: scene “strazianti” a Mariupol, afferma il CICR

Sabato, il Comitato Internazionale della Croce Rossa ha descritto la situazione a Mariupol come “straziante” in quanto l’evacuazione dei residenti è stata posticipata, invitando le parti a proteggere i civili in Ucraina indipendentemente dal fatto che ci sia un corridoio umanitario o meno.

• Leggi anche: [EN DIRECT] Il decimo giorno di guerra in Ucraina: ecco tutti gli sviluppi

• Leggi anche: Guerra in Ucraina: Inditex, proprietaria di Zara, sospende le attività in Russia

• Leggi anche: Ucraina: l’evacuazione di Mariupol “rinviata” perché il cessate il fuoco non è stato rispettato

“Comprendiamo che le operazioni per il passaggio sicuro da Mariupol e Volnovaki non inizieranno oggi. Continuiamo a lavorare con le parti in merito al passaggio sicuro dei civili dalle varie città colpite dal conflitto”, ha affermato il CICR in una nota.

“Le scene che si svolgono oggi a Mariupol e in altre città sono strazianti”, ha aggiunto l’organizzazione, che ha sede a Ginevra, in Svizzera.

Sabato mattina, la Russia ha annunciato un cessate il fuoco dalle 0700 GMT per consentire ai civili di Mariupol e della città di Volnovaka, 60 km a nord, di partire.

Ma l’evacuazione dei residenti di Mariupol, un porto strategico ucraino circondato dalle forze russe e dai loro alleati, è stata ritardata a causa di molteplici violazioni del cessate il fuoco russo, ha accusato sabato il consiglio municipale della città portuale.

La cattura di Mariupol, una città di circa 450.000 persone situata sul Mar d’Azov, rappresenterebbe un punto di svolta nell’invasione russa dell’Ucraina. Permetterebbe l’intersezione delle forze russe provenienti dalla Crimea annessa, che aveva già catturato i principali porti di Berdyansk e Kherson, e le forze separatiste e russe nel Donbass.

READ  Brasile | Jair Bolsonaro lancia "l'ultimatum" alla Corte Suprema

“Indipendentemente dal fatto che i corridoi umanitari vengano implementati o meno nei prossimi giorni, le parti devono continuare a proteggere i civili e le infrastrutture civili ai sensi del diritto umanitario internazionale, sia per coloro che scelgono di partire che per coloro che rimangono”, ha sottolineato.

Ha inoltre osservato che “i cosiddetti corridoi umanitari o altre misure volte a portare soccorso alle persone colpite dal conflitto devono essere ben pianificati e attuati con il consenso delle parti in conflitto”.

Il CICR, in qualità di mediatore umanitario neutrale e imparziale, si dice pronto ad aiutare a facilitare il passaggio sicuro dei civili “non appena le parti raggiungeranno un accordo e le condizioni saranno strettamente umanitarie”.

Guarda anche

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.