Ucraina: Mosca esclude ogni “concessione” durante i colloqui con Washington

La Russia domenica ha escluso qualsiasi “concessione” nei colloqui ad alto rischio con gli Stati Uniti a Ginevra sull’Ucraina e sulla sicurezza in Europa, affermando di essere “delusa” dai “segnali” inviati da Washington.

• Leggi anche: Biden assicura al presidente dell’Ucraina che gli Stati Uniti “risponderanno con forza” all’invasione della Russia

Non accetteremo alcuna concessione. “Questo è assolutamente improbabile”, ha detto alle agenzie di stampa russe il vice ministro degli Esteri Sergei Ryabkov, che dovrebbe prendere parte ai negoziati.

“Siamo delusi dai segnali ricevuti nei giorni scorsi da Washington, ma anche da Bruxelles”, ha aggiunto.

Successivamente, Ryabkov ha affermato che se non ci saranno progressi nella prima riunione di lunedì, la Russia potrebbe decidere di non continuare i negoziati.

“È uno scenario molto probabile (…) se giriamo in tondo, se non vediamo che l’altra parte è disposta a prendere in considerazione le nostre priorità e ad interagire in modo costruttivo, allora il dialogo sarà inutile”, Egli ha detto.

I rappresentanti di Russia e Stati Uniti si incontreranno domenica sera a Ginevra in vista di un incontro cruciale il giorno successivo sull’Ucraina e la sicurezza in Europa, tra crescenti tensioni.

L’Occidente accusa la Russia di aver ammassato decine di migliaia di soldati al confine con la vicina Ucraina in previsione di una possibile invasione, un’accusa che Mosca nega.

I colloqui in programma a Ginevra si sono svolti dopo che la Russia ha avanzato le sue richieste di “garantire la propria sicurezza”. In cima alle sue richieste c’è l’impegno “legale” della NATO a non integrare l’Ucraina e il ritiro dei soldati statunitensi dalla maggior parte dei paesi della NATO nell’est.

READ  The United States, Australia, the United Kingdom and Canada condemn the mass arrests in Hong Kong

Diversi funzionari occidentali hanno descritto queste richieste come “inaccettabili”.

Il mese scorso, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha minacciato il suo omologo russo, Vladimir Putin, di sanzioni “senza precedenti” se Mosca attacca l’Ucraina.

“È molto probabile che incontreremo la riluttanza dei nostri colleghi americani e della NATO a realizzare ciò di cui abbiamo veramente bisogno”, ha detto Ryabkov domenica.

Ha continuato che nonostante “le minacce vengano continuamente architettate contro di noi (…) non faremo alcuna concessione”, aggiungendo che ciò equivale ad “agire contro i nostri interessi e contro gli interessi della nostra sicurezza”.

L’Ucraina orientale è stata lacerata dal 2014 dal conflitto tra le forze di Kiev e i separatisti filo-russi scoppiato dopo l’annessione della Crimea da parte della Russia.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *