Tsunami | Il Giappone festeggia i dieci anni dal disastro

Giovedì, il Giappone ha celebrato il decimo anniversario del triplice disastro dell’11 marzo 2011 – il terremoto, lo tsunami e l’incidente nucleare – che ha lasciato l’intera nazione in uno stato di shock permanente.




Harumi OZAWA con Mathias CENA a Tokyo
France Media

Alle 14:46 (1:46 AM EDT), l’ora in cui il terremoto ha colpito nel 2011, è stato osservato un minuto di silenzio in tutto il paese, seguito a Tokyo da una festa che ha coinvolto l’imperatore Naruhito e il primo ministro Yoshihide Suga.

Contemporaneamente, le sirene suonavano sulle spiagge costiere mentre le persone si radunavano con le mani legate verso il mare.

FOTO HIRO KOMAE, Associated Press

Dieci anni dopo, la centrale elettrica di Fukushima Daiichi rivela ancora la sua distruzione.

La causa principale delle pesanti perdite umane di quasi 18.500 morti e dispersi è stato il massiccio tsunami, le cui alte onde hanno colpito le coste del Giappone nord-orientale poco dopo il terremoto di magnitudo 9.0.

Il conseguente incidente nucleare alla centrale di Fukushima Daiichi si è allagato, in cui i nuclei di tre dei sei reattori si sono sciolti, lasciando intere comunità inabitabili per anni di radiazioni e costringendo decine di migliaia di persone ad andarsene.

Questo è stato il peggior incidente nucleare dall’incidente di Chernobyl (Ucraina) nel 1986.

L’imperatore disse: “L’entità dei danni causati dal disastro è così profonda che un ricordo indimenticabile della tragedia aleggia nella mia mente”.

“La nostra nazione ha attraversato molti disastri che possono essere considerati crisi nazionali”, ma “i nostri antenati hanno superato ogni crisi con coraggio e speranza”, ha detto il signor Suga, affermando che il Giappone “guarderà sempre verso di essa” prima.

READ  La dichiarazione dei redditi di Donald Trump dovrebbe andare al Congresso

Messaggi di solidarietà sono stati inviati da tutto il mondo, in particolare dal Segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres e dalla cantante Lady Gaga.

‘Olimpiadi della ricostruzione’

Gli onori si sono tenuti per tutto il giorno nel nord-est del Giappone, come Hisanohama, nella città costiera di Iwaki (prefettura di Fukushima), dove i locali si sono riuniti vicino al mare, al suono dei monaci che pregavano, buddisti.

“Non so il motivo, ma stamattina sono stato molto colpito”, ha detto all’Afp Tomoe Oji, 86 anni.

“Forse sto invecchiando. Mi sveglio e guardo la TV pensando:” Sono già passati 10 anni. “Sembri lungo e corto allo stesso tempo”.

A Miyagi, una delle tre zone più colpite nel nord-est, sono state organizzate perquisizioni da residenti che sperano ancora di ritrovare i propri cari.

I resti di una donna spazzata via dallo tsunami sono stati identificati dieci anni fa la scorsa settimana, liberando suo figlio da una dolorosa incertezza e permettendogli finalmente di piangere.

Il Giappone ha imparato alcune lezioni dal triplice disastro, erigendo nuovi muri più lunghi dello tsunami, migliorando i sistemi di allarme e i metodi di evacuazione, ma i rischi rimangono.

Il terremoto di magnitudo 7,3, che è una replica lontana del terremoto del 2011, il 13 febbraio è stato un promemoria dei pericoli sismici permanenti al largo del Giappone.

Agenzia di stampa francese

Forti onde hanno colpito la costa l’11 marzo 2011.

Queste celebrazioni si sono svolte solo due settimane prima del lancio della staffetta della torcia olimpica dei Giochi olimpici di Tokyo 2020 a Fukushima, denominata “Giochi della ricostruzione”.

La pandemia ha perseguitato l’evento, che è stato rinviato a quest’anno, ma il governo e gli organizzatori giapponesi sperano che la staffetta riporti l’attenzione su questa regione colpita.

READ  La crisi afghana consente al Qatar di acquisire influenza

“Morto davanti ai miei occhi”

Nayuta Side, una studentessa di Sendai, la capitale della contea di Miyagi, parla regolarmente a eventi legati al tema della prevenzione dei disastri.

Ma di solito preferisce pregare in privato l’11 marzo. “È stato il giorno in cui ho perso i miei compagni di classe. La gente è morta davanti ai miei occhi”. La ventunenne dice: “È un giorno in cui spero di non dover più vivere”.

Per molti questo ricordo è occasione per un momento di introspezione, mentre questa tragedia nazionale è ancora dolorosamente presente con decine di migliaia di persone ancora sfollate e il 2% del distretto di Fukushima in un’area ristretta.

Lo smantellamento della centrale nucleare è proceduto molto lentamente dall’incidente e si prevede che richiederà almeno altri tre o quattro decenni. La maggior parte delle centrali elettriche del Giappone rimane chiusa.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *