Trump e la Repubblica popolare repubblicana

Martedì notte ha catturato l’attenzione degli appassionati di politica americana per diversi motivi.

Dato che stiamo già considerando le maggioranze repubblicane in entrambe le Camere del Congresso, le primarie di questa sera hanno messo in luce i candidati che si incontreranno il prossimo novembre.

Un indicatore degno di nota è il tentativo di misurare la popolarità dell’ex presidente Trump. Una persona che potrebbe tornare nel 2024 non ha esitato a sostenere diversi candidati e molti risultati sono stati interpretati come una misura della sua influenza.

Tra le analisi e le statistiche condotte da martedì sera, mi sono concentrato particolarmente sulle osservazioni Scritto dall’ex consigliere politico repubblicano Keith Naughton sul sito collina. La sua interpretazione dei risultati va oltre la semplice colonna dei profitti e delle perdite.

Newton osserva che sia nella campagna 2016 che nei risultati di ieri, c’è una tendenza evidente nella performance di Donald Trump o dei candidati che chiedono la sua approvazione. Spesso si vince sfruttando la divisione del voto.

tendenza sfortunata

Ad esempio, l’autore afferma che durante le primarie repubblicane che hanno preceduto le elezioni presidenziali del 2016, il candidato Trump ha dovuto affrontare un numero sorprendente di sfidanti. Molti di loro, in particolare Jeb Bush e John Kasich, sono rimasti per molto tempo, permettendo alla star del reality di scivolare in primo piano.

Quando uniamo il sostegno di Kasich e Bush nella Carolina del Sud, corrispondono a un margine di vittoria per la persona che diventerebbe 45E Presidente. Mentre Bush ha imparato la lezione e si è licenziato, Kasich ha rifiutato di fare marcia indietro, contribuendo alle vittorie di Trump in nove stati.

READ  Secondo Zelensky, "è impossibile dire che Lysechhansk sia sotto il controllo russo".

Quello che abbiamo osservato nel 2016 sembra ripetersi nel 2022. Per Donald Trump i risultati di ieri sono stati contrastanti. Poche sconfitte, ma la maggioranza delle vittorie, la più importante delle quali è avvenuta in Pennsylvania, stato cruciale durante le elezioni presidenziali.

Quando analizziamo le vittorie, spicca il fenomeno del 2016. Naughton osserva che c’è molto “John Kasich” che divide il voto. I proiettili di artiglieria sono un grosso ostacolo per coloro che hanno la possibilità di sconfiggere i sostenitori di Trump in uno scontro testa a testa.

fondamenta fragili

Escludendo i risultati in Pennsylvania, i candidati sostenuti dall’ex presidente stanno lottando per ottenere più di un terzo dei voti. Senza notare che l'”effetto Trump” è svanito o che i repubblicani potrebbero avere brutte sorprese a novembre, possiamo legittimamente affermare che ci sono crepe nel muro.

Dopo le elezioni di ieri sera e del prossimo novembre, quello a cui si riferisce Naughton rivela anche che il clan Trump non è ben radicato. Se questi oppositori sono in grado di mettere da parte il loro ego insieme al miglior candidato, il padrino di Mar-a-Lago potrebbe vacillare.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.