Terremoto ad Haiti: ‘Ci chiediamo cosa avremmo potuto fare per il Buon Dio’

Haiti è “sotto shock” poche ore dopo che sabato mattina il terremoto di magnitudo 7,2 ha scosso il Paese, provocando molti morti e ingenti danni materiali.

• Leggi anche: in immagini | Almeno 29 morti nel terremoto di magnitudo 7.2 ad Haiti

• Leggi anche: Terremoto ad Haiti: “Pensiamo che il nostro Paese sia maledetto”

Per molti haitiani, il potente terremoto ha fatto rivivere le immagini del terribile terremoto del gennaio 2010 che ha devastato il Paese e causato circa 230.000 morti.

“La prima sensazione sono stati i ricordi. Ricordi del 12 gennaio 2010 che ci sono tornati in testa a casa”, dice Ivanka Jolicor Brutus, ex sindaco di Pétionville, in un’intervista a TVA Nouvelles.

Dopo la lunga scossa, che secondo lei è durata tra i 10 ei 15 secondi, le telefonate hanno iniziato a ricevere notizie dal sud del Paese, dove si trova l’epicentro.

“Un sacco di danni. L’altra cosa che ci stupisce è che le chiese sono state bombardate di nuovo, come è successo nel 2010”, dice la signora Golicor Brutus.

Questo potente terremoto arriva poco più di un mese dopo l’assassinio del presidente haitiano Jovenel Moise il 7 luglio, che ha messo in crisi il Paese.

Anche se la situazione era già difficile prima del terremoto, Ivanka Golicor Brutus spera ancora che il suo Paese si riprenda.

“Ci aggrappiamo perché ha molto da offrire, ma allo stesso tempo è un Paese che soffre”, ammette.

Tuttavia, è sicura che la mattinata sia stata difficile per molti haitiani.

“È dura stamattina. Tutti sono un po’ frustrati e si chiedono cosa avremmo potuto fare con Dio. Non ne avevamo bisogno”, si lamenta l’ex sindaco di Petionville.

READ  La nascita di una straordinaria tempesta tropicale

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *