Italia: arrestati due contadini siciliani per aver acceso fuochi

Sabato la polizia italiana in Sicilia ha arrestato due allevatori sospettati di aver recentemente appiccato incendi boschivi nel tentativo di creare pascolo per le loro pecore.

Grandi incendi, alimentati da temperature record, quest’estate hanno devastato le foreste dell’Italia meridionale, della Calabria, della Sicilia e della Sardegna.

La polizia di Siracusa, nella Sicilia sud-orientale, zona in cui mercoledì il termometro ha raggiunto i 49°C, ha affermato che gli uomini erano responsabili di almeno due incendi nella zona a luglio.

Il loro obiettivo era aumentare l’area di pascolo per i loro animali con l’intenzione dichiarata di risparmiare denaro sul foraggio.“, ha scritto la polizia in una nota.

Il 70% degli incendi è iniziato intenzionalmente

Secondo il ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani, almeno il 70% degli incendi boschivi di quest’estate è stato avviato intenzionalmente o incautamente. La scorsa settimana, la polizia ha sorpreso un uomo che dava fuoco a un arbusto secco nelle campagne vicino a Napoli.

Sempre secondo la polizia, le registrazioni delle conversazioni dei due contadini siciliani mostrano che avevano intenzione di accendere un nuovo incendio domenica su un’area molto più ampia “con conseguenze inimmaginabili per l’ambiente, l’ordine pubblico e la sicurezza”.

Anche Grecia e Turchia stanno affrontando da diverse settimane gravi incendi boschivi.

READ  Il pronipote di Mussolini diventa professionista con la Lazio

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *