Sui giovani migranti, gli agenti si ispirano all’Italia

[Isère 1,27 million d’hab.] “Questo viaggio è stato molto positivo, sia umanamente che professionalmente”, concorda Alizée Soullier, coordinatrice dell’unità ” MNA dall’Isère. A novembre 2019 quasi tutto il dipartimento ha fatto le valigie: il coordinatore, cinque referenti sociali e il responsabile amministrativo. A riprova che questo viaggio suscita interesse…

Dalla Sicilia, infatti, arriva un grande flusso di giovani migranti. Su quest’isola alloggiano in strutture diverse a seconda che siano adulti o minorenni. Una volta giunti nell’Isère, alcuni tentano di spacciarsi per minorenni per poter beneficiare del sostegno del dipartimento. Non conoscendo la realtà sul campo, la cellula “MNA” lotta “per districare il vero dal falso nelle storie che variano, ammette Mabrouk Benhacène, referente “MNA”. Avevamo informazioni su internet, ma non ci sembravano affidabili”. Uno spostamento in loco era essenziale.

“Questo viaggio ha rappresentato diverse sfide, riassume Emmanuelle Joseph, responsabile del servizio “Accoglienza protezione minori”. Impostare un’analisi condivisa della missione di valutazione, trarre ispirazione dalle buone pratiche in Italia e generare coesione di squadra. In vigore dal 2017, la cellula “MNA” è recente. Per far fronte a un aumento spettacolare degli arrivi di giovani migranti, tra il 2017 e il 2018 sono stati assunti tre dipendenti.

pompato

Al ritorno da Palermo, gli abitanti di Isérois sono carichi, con la voglia di mettere in piedi diversi progetti ispirati alla Sicilia. Hanno trovato straordinario il sistema di tutoraggio sviluppato per sostenere i giovani migranti “in questa regione relativamente povera”, osserva Mabrouk Benhacène.

READ  Galles: il XV iniziale dell'incontro

Le associazioni offrono lezioni di italiano e visite culturali ai giovani migranti. Questi ultimi hanno accesso alle società sportive. Dal canto loro, gli abitanti di Isérois hanno in programma di avvicinarsi alle scuole superiori per far emergere i legami tra i giovani francesi e i giovani stranieri e di istituire tutoraggio tra studenti delle scuole superiori. “Avevamo già la sensazione di dover sviluppare questo tipo di supporto. Ciò è stato confermato da questo soggiorno”, afferma Emmanuelle Joseph.

Per organizzare questo viaggio, il dipartimento “Europa” dell’Isère si è rivolto al programma europeo Erasmus+. Quest’ultimo finanzia progetti di mobilità volti alla formazione di giovani e adulti. A gennaio 2019 il dipartimento ha aderito al servizio “promozione e animazione” di Erasmus+, che lo ha guidato nei suoi passi. A febbraio, la pratica dell’Isère, insieme alla sua richiesta di finanziamento, è stata presentata nell’ambito del bando annuale Erasmus+.

Piattaforma Erasmus +

“Non appena il dossier è stato inviato, il capo progetto deve aver trovato dei partner all’estero”, precisa Estelle Duprat, responsabile dello sviluppo del programma europeo. Come? ‘O cosa ? Ad esempio, tramite la piattaforma di condivisione di esperienze Erasmus +. La cellula “MNA” ha così individuato un’organizzazione italiana specializzata in progetti di cooperazione europea, che l’ha messa in contatto con associazioni e studi legali ad hoc. Questa stessa organizzazione si è occupata dell’alloggio. A giugno Erasmus+ ha dato il via libera. Restava da fissare le date.
Un dettaglio da anticipare: padronanza della lingua. Fortunatamente, Mabrouk Benhacène parla italiano ed è stato in grado di tradurre. Se necessario, il gruppo può avvalersi di un interprete, nonché i preparativi linguistici prima del viaggio pagato da Erasmus+.

READ  drammatiche alluvioni nella città di Savona!

Contatto: Emmanuelle Joseph, responsabile del servizio “accoglienza per la protezione dei minori”, [email protected]

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.