Stati Uniti | Starbucks richiede vaccinazioni o test regolari dei suoi dipendenti

Starbucks ha annunciato che richiederà la vaccinazione di tutti i suoi dipendenti negli Stati Uniti a partire dal 9 febbraio. Coloro che si rifiutano di ricevere il vaccino dovranno sottoporsi a regolari test di screening ogni settimana.


D Ann Durbin
Agenzia di stampa

La catena di caffetterie con sede a Seattle ha dichiarato lunedì che lo sta facendo sotto le istruzioni dell’Agenzia federale degli Stati Uniti per la salute e la sicurezza sul lavoro, che a novembre ha richiesto a tutte le aziende con 100 o più dipendenti di “adottare una politica di vaccinazione o test di screening”.

Tale requisito, che è stato oggetto di numerose contestazioni legali, è stato confermato il mese scorso da una giuria composta da tre giudici della Corte d’Appello degli Stati Uniti. La Corte Suprema dovrebbe esaminare il caso a turno venerdì.

Starbucks ha chiesto ai suoi 228.000 dipendenti statunitensi di rivelare il loro stato di vaccinazione entro il 10 gennaio.

“Mi rendo conto che i nostri partner hanno punti di vista molto diversi sull’immunizzazione proprio come il resto del paese”, ha scritto John Colfer, COO di Starbucks, in una lettera ai dipendenti alla fine di dicembre.

“È mia responsabilità, come ogni leader, fare tutto il possibile per mantenerti al sicuro e creare un ambiente di lavoro sicuro”, ha aggiunto.

Per Starbucks, una vaccinazione completa significa due dosi del vaccino Pfizer o Moderna o una dose del vaccino Johnson & Johnson.

Se il dipendente rifiuta di essere vaccinato, dovrà coprire personalmente i costi dei test di screening settimanali e vederli personalmente recandosi ogni settimana in una farmacia, clinica medica o altro centro di screening dove qualcuno supervisiona il test.

READ  La sua gamba sbagliata è stata amputata a causa di un errore umano

Le giustificazioni religiose o mediche possono essere valutate, ma per lavorare in una catena di caffè, qualsiasi dipendente deve essere vaccinato o fare un test di screening settimanale, ci assicura l’azienda.

I dipendenti risultati positivi al virus potranno utilizzare i permessi retribuiti per autoisolarsi. Starbucks afferma che attualmente offre due periodi di cinque giorni di congedo retribuito ai suoi dipendenti per l’autoisolamento a causa della pandemia.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.