Sport invernali – Sandy Claire: “Metti tutte le mie possibilità dalla mia parte per essere alle Olimpiadi di Pechino”

BOBSLEIGH – All’età di 32 anni, Sandie Clair, campionessa europea di velocità singolare 2010 e pluricampione di Francia, è passata dalle piste di legno alle piste di ghiaccio. L’ex concorrente, che ha concluso la sua carriera nel 2019 dopo che la federazione ciclistica francese ha deciso di terminare il programma di velocità a squadre femminile, ha trovato rifugio sul bob. Colloquio.

Sandy, com’è stato il tuo primo inverno da skater?

il freddo! (Ridere). Devo aver perso 30 gradi rispetto alla pista! Scherzi a parte, è andata molto bene. Hai fatto la prima parte di stagione senza competizione, per scoprire la disciplina e questo nuovo universo. Ho scoperto il lavoro e l’allenamento al freddo, ma anche tutto ciò che riguarda lo slittino, ad esempio la manutenzione e la movimentazione. Poi ho fatto la seconda parte di stagione con le gare, iniziate a gennaio, con gli Europei e la Coppa del Mondo a St. Moritz. Non era necessariamente pianificato, ma è stato davvero fantastico. Inoltre abbiamo fatto bene in Europa (6 ° posto), quindi per la prima gara il risultato è stato davvero impressionante.

Raccontaci un po ‘, come sei entrato a far parte della squadra francese di bob dopo la fine della tua carriera ciclistica?

È iniziato con un rave con mio fratello che mi ha allenato mentre ero in bicicletta. Poi finalmente l’idea è nata nella mia mente. Mi sono detto che volevo andare in slitta, anche i sentimenti. Poi un giorno, durante il mio primo periodo di prenotazione l’anno scorso, ho chiamato Margot Bush, un pilota della squadra francese di slittini, che mi ha incoraggiato a venire a provare durante un corso estivo. All’inizio sono andato lì per un ciclo di spinta e ha comunicato molto bene. Alla fine ho corso il rischio di lasciare il mio lavoro in palestra a Hyères senza sapere se avrebbe funzionato o meno. Ho avuto l’opportunità e l’ho colta. La mia anima competitiva finalmente ha vinto!

READ  Jogia è tornata allo sbarco finale mercoledì

Alla fine, hai trovato delle somiglianze con le corse su pista in termini di allenamento e bodybuilding?

Sì, per i bodybuilder siamo sulla stessa base. Abbiamo bisogno degli stessi attributi fisici: forza, esplosività, forza e velocità. Dopodiché, rimangono due sport completamente diversi. Siamo più interessati al bodybuilding, con lo sprint nell’atletica per guidare il lavoro. Personalmente parto quasi da zero, perché non ho mai più corso. Quindi devo imparare a correre, con un lavoro molto tecnico in cui devo imparare a mettere bene i piedi a terra. È super tecnologia! Inoltre, dal momento che non ero abituato a correre, ho lottato per un po ‘di tempo con le stecche e ho lottato per tutta la stagione con quello. È un vero cambio di lavoro sul percorso, il mio corpo non capisce bene cosa gli sta succedendo in questo momento.

Con un po ‘di senno di poi e questi pochi mesi di esperienza, cosa ti attrae di questa specialità di bob?

Nel mio caso, essendo un pushover nella parte posteriore di un pop, ho il ruolo di motore. Proprio come quello che ho fatto inizialmente per un ciclismo su pista, con così tanti colpi, è uno sforzo molto breve e intenso. A parte questo, è una sensazione che sto davvero ritrovando e che mi piace moltissimo. Poi, per tutta la durata della mia discesa, è vero che uso un piccolo sacco di sabbia (ride)! Ma in breve, è la velocità e l’esplosione a monte che amo di questo major.

Ora che sei arrivato in Francia, possiamo avere la possibilità di vederti ai Giochi Olimpici di Pechino nel 2022?

Spero, farò di tutto per esserci comunque! È vero che all’inizio, come dicevo prima, l’obiettivo era proprio quello di scoprire questo sport. Sono stato davvero fortunato a poter gareggiare quest’inverno. Ora che sono lì, sì, voglio davvero restare lì. Questa volta sarei molto felice di fare i Giochi invernali. Dopo di che, non solo io e Carla (Senchal, che ha difeso la squadra francese che ha sostituito Sandy Claire nell’Europeo), ci sono anche altre ragazze. Farei di tutto per essere il migliore, è vero che sarebbe bello essere a Pechino. Metterò tutte le possibilità dalla mia parte per esserci.

READ  Ronaldo al Manchester United, "Viva il Re", dice la stampa italiana

Sì, e poi non ci sono molti sport che hanno partecipato alle Olimpiadi estive e invernali, può essere una bella sfida, giusto?

Sì, allora è vero che non sempre me ne rendo conto. Ad esempio, non molto tempo fa, Florian Russo (Campione del Mondo e Multiplo Olimpico) mi ha detto che ammira la mia capacità di recupero. È vero che quando mi ha detto quelle parole, mi hanno davvero colpito. Ho pensato: “Oh sì, quello che sto facendo è una cosa fantastica”. Dopodiché, prendo le cose una per una. Ho avuto questa opportunità, quindi ci ho provato!

Ancora guardando indietro, incolpi ancora la FCA per non averti dato più possibilità al Tokyo Show?

In effetti, ora mi dico che qualunque cosa mi accada è male per sempre. Questo è anche il motivo per cui alla fine sono riuscito a recuperare rapidamente. Uso il negativo per convertirlo in positivo. Dopodiché, non sono ancora d’accordo su come sia successo, e non l’ho mai fatto. Sono ancora incazzato con alcuni sindacalisti. Infine, mi dico che va male per sempre e che se avessi gareggiato ai Giochi di Tokyo, forse non avrei vissuto quello che ho passato qualche mese fa nella squadra di bob francese, perché è comunque un’esperienza incredibile.

Grafici delle domande, non essere timido! Quali sono i tuoi migliori ricordi della tua carriera sulla strada giusta?

Senza esitazione il titolo di Campione Europeo Single Speed ​​2010 a Pruszkow (Polonia)! Stranamente, il mio peggior ricordo è rimasto la mia medaglia d’argento nei Campionati del Mondo 2011 sui 500 metri, dove ho perso in finale per duecento …

READ  Rottura del tendine d'Achille di Spinazzola

Ora, cosa ti auguriamo in futuro?

Per continuare ad essere felice e prosperare nel mio sport e nella mia vita! Dopo di che, c’è sicuramente un’olimpiade nella parte posteriore della testa. Era vero che era diventato un obiettivo, e ora devo migliorare assolutamente per conquistare il mio posto!

Deco Sport

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *