Splendide immagini della Nebulosa di Orione catturate dal telescopio James Webb

Nuove straordinarie immagini dal James Webb Space Telescope lunedì mostrano la Nebulosa di Orione, il cui collo di gas e polvere stellare forma una massiccia creatura alata con una stella luminosa al centro.

• Leggi anche: Il razzo Blue Origin è caduto dopo il decollo, nessun ferito

• Leggi anche: Perché gli americani vogliono tornare sulla luna?

Questo corpo celeste si trova a 1.350 anni luce dalla Terra e sembra formare un ambiente simile a quello in cui è nato il nostro sistema solare, 4,5 miliardi di anni fa.

Pertanto, il team internazionale di ricercatori che ha pubblicato queste immagini inedite intende studiare questi dati per comprendere meglio le condizioni che hanno prevalso durante la creazione del nostro sistema.

L’acquisizione di queste immagini fa parte di uno dei programmi di monitoraggio prioritario di James Webb che ha coinvolto più di cento scienziati in 18 paesi, con l’aiuto del CNRS in Francia, della Western University in Canada e dell’Università del Michigan.

“Siamo rimasti sbalorditi dalle splendide immagini della Nebulosa di Orione”, ha dichiarato l’astrofisico Western Els University Peters in una nota. “Queste nuove osservazioni ci consentono di capire meglio come le stelle massicce trasformano le nubi di gas e polvere in cui sono nate”.

Grandi quantità di polvere oscurano le nebulose rendendole impossibili da osservare in luce visibile con telescopi come l’Hubble, predecessore di James Webb.

Quest’ultimo contiene strumenti che catturano la luce infrarossa dall’universo e consentono di vedere questi strati di polvere.

Ciò ha rivelato strutture massicce di circa 40 UA, un’unità astronomica corrispondente all’incirca alla distanza tra la Terra e il Sole.

READ  La fine del viaggio, il grande aggiornamento del 10° anniversario di Terraria

Tra questi ci sono un certo numero di filamenti di materia densa che possono supportare la nascita di una nuova generazione di stelle così come i sistemi stellari nella formazione, che consiste in una stella centrale circondata da un disco di polvere e gas all’interno del quale si formano i pianeti.

“Speriamo di essere in grado di comprendere l’intero ciclo di nascita delle stelle”, spiega l’astrofisico Edwin Bergin dell’Università del Michigan.

Un gioiello di ingegneria del valore di 10 miliardi di dollari, il James Webb Telescope effettua le sue osservazioni a 1,5 milioni di chilometri dalla Terra.

You May Also Like

About the Author: Adriano Marotta

"Pluripremiato studioso di zombi. Professionista di musica. Esperto di cibo. Piantagrane".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.