Le alleanze di destra e di estrema destra stanno diventando comuni in Europa?

► “Alcuni paesi resistono meglio”

Jean-Yves CamusCondirettore dell’Osservatorio dei radicali politici,
Ricercatore addetto all’Istituto IRIS (Istituto per le Relazioni Internazionali e Strategiche).

“Guardando cronologicamente nell’elenco degli accordi presi in Europa tra i partiti della destra radicale e della destra tradizionale, si comprende che la Svezia non è la prima a sperimentare questo tipo di alleanza, tutt’altro. Le avanguardie sono gli italiani del Nord Lega, che si è unita a una coalizione di destra nel 1994 per sostenere un governo Berlusconi. L’Austria con l’FPÖ nel 2000, la Norvegia con il Partito del progresso, la Finlandia con i veri finlandesi, ma anche Slovacchia, Bulgaria, Polonia e Ungheria hanno esperienze politiche simili. In Spagna, i conservatori del Partito Popolare locale non hanno esitato a stringere alleanze con Vox (l’estrema destra).

In alcuni paesi, questi gruppi non sono più dei paria, o non lo sono più, ma sono già considerati attori a pieno titolo nella vita politica. Questo è più vero per i cosiddetti movimenti di destra radicale, che spesso derivano da divisioni con la destra conservatrice o liberale, rispetto a quelli con un passato neofascista e antidemocratico. I Democratici svedesi rientrano in questa seconda categoria. Negli anni ’90 nessuno avrebbe scommesso su questa formazione e dieci anni fa i conservatori svedesi consideravano i suoi membri una rarità. Gli sforzi dei Democratici svedesi per espellere gli elementi più radicali, ma anche il legame tra delinquenza e immigrazione nel dibattito pubblico, ha portato alla loro normalizzazione.

Questo tipo di alleanza diventerà la norma in Europa? difficile da dire. Dipende dalla data e dalla modalità di voto, la rappresentanza proporzionale e quindi i partiti minori sono preferiti rispetto al voto a maggioranza. Possiamo aspettarci che la coalizione di centrodestra italiana (di destra e di gran lunga) superi il 40% alle prossime elezioni. Al contrario, alcuni paesi sono più resistenti a questo fenomeno. L’estrema destra non sta facendo progressi né nel Regno Unito a causa del regime del primo passato, né in Portogallo.

READ  La Turchia sta cercando di salvare le relazioni con l'Egitto

In Germania non vedo i democristiani della CDU unirsi all’AfD alla luce del peso della seconda guerra mondiale. Il Partito popolare spagnolo gli rimane ostile a livello nazionale. Possiamo citare anche il Belgio francofono, dove, a differenza delle regioni fiamminghe, il “sano” cordone stabilito da politici e media ha finora impedito l’emergere di una potente formazione di estrema destra.

In Europa, molti partiti di destra sono ancora consapevoli della difficoltà di trattare con partiti estremisti o estremisti. La loro agenda, in particolare su questioni di identità nazionale, finisce per imporsi e la destra conservatrice tende a cambiare radicalmente. »

► “L’alleanza con l’estrema destra è diventata la norma, non l’eccezione nell’Unione Europea”

Emanuele RivièreDirettore Internazionale di Studi Politici presso il General Kantar Institute

I diritti in Francia e Germania domani saranno un’eccezione in Europa? La diga che i repubblicani hanno sollevato contro il National Rally rimane al suo posto, così come quella che la CDU/CSU ha sollevato contro l’AFD di estrema destra. Non è più così altrove, come abbiamo appena visto in Svezia o come abbiamo visto in Spagna, dove il partito di estrema destra Vox si è alleato con il Partito popolare. In Italia è successo già nel 2018 con l’alleanza tra La Liga e Forza Italia. Quest’anno la destra italiana ha deciso di allearsi con Fratelli d’Italia.

Questo sviluppo è indubbiamente legato alle difficoltà della destra classica dove le vicissitudini del panorama politico ne minacciano il fondamento storico. Tuttavia, i casi di Francia e Germania mostrano che questo non è un risultato meccanicistico. Noto anche che la destra classica non vince davvero per la sua alleanza con l’estrema destra. Incerto il suo profitto politico, quando viene superato dall’estrema destra, come accaduto ieri in Svezia e per due anni in Italia.

READ  Putin afferma che l'operazione russa in Ucraina non è la causa dell'inflazione globale

Dal punto di vista del contenuto dottrinale, tali convergenze corrispondono a una forma di omogeneità tra i loro costituenti. Vi è una crescente convergenza di opinioni su questioni relative all’identità, alla sicurezza e alla migrazione. Sulla questione dell’Unione Europea, l’estrema destra tende a mettere da parte le sue critiche, come in Svezia e in Italia. Anche in Francia, il che potrebbe anche spiegare il risultato di Marine Le Pen alle elezioni presidenziali e legislative.

Nei paesi in cui si verifica questa convergenza, ci si può interrogare sul muro commemorativo che separa la destra classica e l’estrema destra. Questo muro è altamente organizzato in Germania e Francia. In Francia, il classico rifiuto dell’estrema destra da parte della destra è generazionale e anche ricordato: il più anziano associa questo partito alle sue radici petite. Anche questo è un aspetto che Marine Le Pen sta cercando di cancellare. In Germania, anche se l’AFD non aveva alcun legame genealogico con il nazismo, la destra classica ha messo in guardia contro il suo nazionalismo, con il quale si è staccata dopo la guerra. D’altra parte, la democratizzazione della Spagna non è stata occasione per esprimere un giudizio chiaro sul periodo franchista. E in Italia, denunciare il passato di Mussolini non era così chiaro come in Germania.

Infine, non tutto concorda con questa convergenza o non la rende necessariamente permanente. A livello economico, la destra classica è la destra liberale mentre l’estrema destra preferisce controllare l’economia e condividere la ricchezza. Tuttavia, questo non è un punto controverso in Svezia. Un altro ostacolo è il rapporto con la democrazia. È improbabile che il lato democratico e antiliberale della destra nazionalista in materia di giustizia e libertà di stampa rassicuri gli elettori della destra classica. »

READ  L'italiano Francesco Bagnaia vince il Gran Premio d'Olanda, zero punti per Cuararo

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.