Sondaggio in Francia | Quasi due terzi dei giovani pensano che la laicità sia in pericolo

(Parigi) – Quasi due terzi dei giovani (63%) ritengono che la laicità sia oggi minacciata in Francia, secondo un sondaggio pubblicato giovedì sull’opinione dei giovani di 18-30 anni sull’assassinio di Samuel un anno fa.


Questo numero è inferiore rispetto a novembre 2020 (70%), nelle settimane successive alla decapitazione del maestro Bate da parte di un islamista.

Secondo un sondaggio IFOP condotto per la rivista Marianna, Più della metà (57%) degli intervistati tra i 18 ei 30 anni ritiene che la difesa della laicità sia spesso strumentalizzata da esponenti politici e giornalisti che vogliono screditare i musulmani, un numero identico a quello dell’anno scorso.

Quale laico?

Interrogati sulla loro definizione del principio di laicità, i giovani sono divisi: il 27% per mettere tutte le religioni su un piano di parità, il 24% per garantire la libertà di coscienza, il 23% per separare la religione dalla politica e il 14%. Per ridurre l’influenza delle religioni nella società, e il 12% niente di tutto questo.

Tra i giovani interpellati, il 73% pensa che oggi si parli molto di religione e questioni religiose (contro il 78% dell’anno scorso).

Tuttavia, il 62% di loro trova giustificato che gli insegnanti mostrino ai propri studenti caricature o prendano in giro le religioni per illustrare la libertà di espressione.

In risposta a una domanda sull’assassinio di Samuel Baty, l’85% dei giovani ha affermato che questo evento li ha scioccati, il 78% ha confermato che li ha fatti arrabbiare e il 19% ha suscitato in loro indifferenza.

Più di tre quarti (77%) condannano completamente lo scrittore dell’assassinio del professore di storia e geografia nell’ottobre 2020, il 9% lo condanna, ma condivide alcune sue motivazioni, il 5% non lo condanna e il 9% è indifferente .

READ  Il Texas apre i battenti senza maschera, la vaccinazione è in corso negli Stati Uniti

Più della metà dei giovani intervistati (58%) riteneva che Samuel Baty avesse ragione a mostrare le caricature di Maometto in nome della libertà di espressione, mentre il 22% lo considerava sbagliato in quanto costituiva una provocazione non necessaria.

Per il 62% di loro, questa decisione di mostrare una caricatura del profeta Maometto è un’iniziativa che articola con precisione il concetto di libertà di espressione, mentre per il 14% è un’iniziativa che, al di là di questo obiettivo, è di fatto un anti- approccio islamico.

Questa indagine è stata condotta online dal 24 al 30 settembre su un campione di 1.014 persone, rappresentative della popolazione francese di età compresa tra 18 e 30 anni, secondo il metodo delle quote.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *