Sentimenti tra i musulmani Il governo austriaco mostra una mappa dell’Islam nel paese

(Vienna) Giovedì la presentazione su Internet da parte del governo austriaco di una “Mappa dell’Islam” ha suscitato indignazione tra i musulmani che hanno denunciato lo “stigma” che “li espone a un ampio grado di insicurezza”.


France Media

Il Parlamento musulmano (IGGÖ) ha risposto in una dichiarazione inviata all’Agence France-Presse che questa mappa interattiva “attesta la chiara intenzione del governo di stigmatizzare tutti i musulmani come un potenziale pericolo”.

All’inizio della giornata, il ministro dell’Integrazione conservatrice Susan Raab ha annunciato un nuovo sito web chiamato “La mappa nazionale dell’Islam”.

Il grande pubblico può ora trovare i nomi di oltre 600 moschee e società, i loro indirizzi, l’identità dei loro leader e le loro possibili relazioni all’estero.

Centro di documentazione sull’Islam politico

Ciò non è legato al lancio di un “sospetto generale sui musulmani”, ha confermato Al-Sayed.io Raab, però, a smascherare “nei cortili” “ideologie” che mettono in discussione “i valori della democrazia liberale”.

Questa mappa è il risultato di una collaborazione tra l’Università di Vienna e il Center for Documentation of Political Islam, un’organizzazione creata lo scorso anno dalla coalizione tra conservatori e Verdi.

Tuttavia, hanno preso le distanze da questa iniziativa.

“Nessun ministro o deputato dell’ambiente è stato coinvolto o informato”, ha detto un portavoce della fusione, Faiq Najashi all’interno del Partito dei Verdi. “Questo progetto che mescola musulmani e islamisti è l’opposto di come dovrebbe essere una politica di integrazione”.

Il consigliere conservatore Sebastian Curtis prende regolarmente di mira quello che chiama “Islam politico”.

“Pensi che una simile mappa del giudaismo o del cristianesimo potrebbe essere prodotta in Austria?” La Radio Nazionale Tarfa Baghajati, che rappresenta un’altra organizzazione islamica, ha espresso la sua insoddisfazione per la fusione di terrorismo e religione praticata dall’8% degli 8,9 milioni di persone del paese, la maggior parte dei quali non c’entra niente, con le strutture.

READ  Terremoto ad Haiti: 'Ci chiediamo cosa avremmo potuto fare per il Buon Dio'

“È motivo di preoccupazione e sono deluso da questo governo, che adotta il programma dell’estrema destra”, ha aggiunto.

Attacco jihadista a novembre

Dal primo attacco jihadista sul suolo austriaco a novembre, il numero di attacchi verbali o fisici contro i musulmani è aumentato in questo paese dell’Europa centrale, secondo un’associazione responsabile della compilazione dei rapporti.

Nel 2020 sono stati individuati 1.402, la stragrande maggioranza su Internet, un numero che è aumentato del 33% in un anno e questa nuova carta “alimenterà solo il razzismo che continua a crescere contro i musulmani, che corrono grandi rischi per la sicurezza”, IGGÖ lamentato.

Questo consiglio denuncia lo “sfruttamento della conoscenza” all’Università di Vienna, in parte disinformazione e mancanza di volontà di collegarlo, e afferma di essere stato contattato da “molte persone i cui nomi compaiono sul sito”.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *