Sei persone, tra cui tre bambini, sono state massacrate al Festival degli aquiloni

Un popolare festival del volo degli aquiloni si è trasformato in una tragedia quando sei persone, tra cui tre bambini, vengono massacrate con corde per far volare gli aquiloni nel Gujarat, in India.

• Leggi anche: Brutta giornata per un dipendente Amazon caduto in una fossa settica

• Leggi anche: Un terremoto di magnitudo 7 colpisce l’Indonesia orientale

Quasi 200 persone sono rimaste ferite lo scorso fine settimana a causa di tagli e cadute mentre facevano volare i loro aquiloni in duelli al festival di Uttarayan, secondo i rapporti. mail giornaliera.

Centinaia di partecipanti si sono seduti sui tetti o sui balconi per prendere parte alla “lotta” degli aquiloni. L’obiettivo della competizione è abbattere altri aquiloni in una battaglia aerea.

Le corde degli aquiloni dei frequentatori di festival sono talvolta rinforzate con metallo e polvere di vetro. Diventano abbastanza affilati da tagliare la pelle e persino i cavi elettrici.

E secondo mail giornaliera.

Una bambina di due anni era con suo padre nella città di Bhavnagar quando una corda di aquilone le ha avvolto il collo e l’ha massacrata. Kirti è morto in ospedale.

Un’altra bambina, Kesmat, 3 anni, stava tornando a casa con sua madre nella città di Viznagar quando la sua gola è stata tagliata da una corda di aquilone.

Rishabh Verma, sette anni, è morto davanti ai suoi genitori dopo che il suo collo è stato tagliato dal filo di un aquilone a Rajkot.

Anche tre uomini sono morti per le ferite riportate dagli aquiloni: Swamiji Yadav, 35 anni, Narendra Vaghela, 20, e Ashwin Gadvi.

La polizia ha anche affermato che 130 persone sono rimaste ferite, mentre altre 46 sono cadute mentre facevano volare i loro aquiloni in quota.

READ  Gabi Pettito è morta soffocata

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.