Scienza ed Etica al Servizio della Prevenzione – Tahrir

piattaforma

Questo articolo è riservato agli abbonati

Se il sindaco di Parigi annuncia la creazione di centri di accoglienza per comportamenti di dipendenza, la situazione è ancora lontana dall’essere stabile. Tuttavia, i dati scientifici dimostrano che tali spazi sono un modo per ridurre i rischi per la salute dei consumatori.

Il dibattito sulle Supervised Injection Rooms (SIS) per tossicodipendenti altamente emarginati, sorge periodicamente nei media e nel dibattito pubblico (1). Questo è il caso oggi per la difficoltà di dare una risposta al crack degli utenti di Parigi e alle dichiarazioni di personaggi politici che spesso si traducono in una certa confusione, sia per mancanza di controllo sull’argomento, sia per volontà di utilizzare un problema di salute pubblica per fini politici. Da mesi le autorità sanitarie, prefettizie e comunali saltano le responsabilità, e se il sindaco di Parigi dal canto suo ha annunciato, il 31 agosto, la creazione di luoghi di accoglienza per queste persone, la situazione è ancora tutt’altro che stabile.

È tempo di ricordare alcuni dati scientifici che dovrebbero aiutarci ad affrontare con più calma il tema del SIS, e di ricordare che l’etica medica, o semplicemente una preoccupazione per l’umanità, dovrebbe guidare il nostro pensiero.

Garantire un ambiente sicuro

Ricordiamo che le sale di iniezione supervisionate sono un modo per ridurre rischi e danni e fanno parte di qualsiasi politica pubblica per prevenire comportamenti di dipendenza sia a livello internazionale che nel nostro paese. Se la limitazione del rischio e del danno è prevista dalla legge, è per un semplice motivo che è diventato chiaro a tutti: è efficace. Come ogni misura o programma di riduzione del rischio, consiste nel riconoscere che se le persone non possono…

READ  Perché le voci delle persone che mangiano sono così inquietanti?

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *