seminuoto | Nessuna medaglia nella sua ultima gara, ma nessun rimpianto per Aurélie Rivard

Aurélie Rivard (S10) ha concluso i Giochi Paralimpici al quarto posto nei 200 m misti individuali venerdì nell’ultimo giorno di gara al Tokyo Aquatics Center. E così questa performance arriva a concludere la sua residenza giapponese in Quebec segnata da cinque medaglie e tanti record, ma anche dall’esercizio mentale più difficile.


Matteo Fontaine
Sportcom

Nelle sue stesse parole, l’inizio di Rivard è stato difficile nella capitale giapponese. Non per il suo punteggio, ha preso il bronzo nei 50 stile libero, ma più per il morale. La nuotatrice di Saint-Jean-sur-Richelieu è rimasta delusa dalla sua prestazione, provando tutta una serie di emozioni dopo la sua prima uscita.

“Fin dal primo giorno, volevo tornare a casa! Ero felice di ricevere una medaglia, ma sapevo che non stavo andando molto bene (tecnicamente) ed era il mio periodo più lento dell’anno. Non mi era mai successo prima e Non capivo perché fosse successo così”, ha detto a Interview con Sportcom “È stato molto doloroso”.

C’erano molti dubbi nella mente di Rivard, che avrebbe corso altre cinque gare. Dopo alcune ore di agonia, decise di liberarsi dei suoi pensieri negativi e di tuffarsi prima nelle sue prossime esperienze.

“Ho messo in dubbio molte cose, in particolare la mia preparazione. Mi stavo davvero chiedendo se sarebbe stato così per tutte le gare, ho continuato. Così ho deciso di mettere tutte le mie energie nel fingere che non fosse successo. Era l’unico modo per continuare.”

Poco più di una settimana dopo, dobbiamo ammettere che la formula ha funzionato con Revard che ha concluso le Paralimpiadi di Tokyo con un totale di cinque medaglie, di cui due d’oro combinati nei 100 stile libero e nei 400 stile libero.

READ  Il serbo campione in carica nel match, l'Italia paga l'Austria Tim

Inoltre, l’attrice di Maple Leaf ha colto l’occasione per migliorare i due record mondiali su queste distanze, oltre a ottenere nuovi marchi di carattere in tutti i suoi altri eventi. Lieto fine, ma provandoci troppo mentalmente.

“Sono molto orgoglioso di questa svolta degli eventi. È stato molto difficile, ma sapevo che dovevo cambiare direzione per avere successo. Infine, sono davvero contento dei risultati ottenuti”.

La sua ultima gara, i 200 m misti individuali, non ha fatto eccezione, anche se non è stata in grado di assicurarsi una sesta medaglia in diversi eventi in Giappone.

È sempre difficile accettare il quarto posto, ma sono comunque molto soddisfatto. Non volevo avere troppe aspettative per questo evento, ma ho comunque concluso il record canadese. Le altre ragazze nuotano bene e sono felice per loro”, ho analizzato la ragazza che ha segnato un tempo di 2 minuti 28,73 secondi.

Alla fine, solo 0,87 secondi l’hanno separata dalla medaglia di bronzo vinta dall’olandese Lisa Krueger. Quest’ultimo ha visto la sua connazionale Chantal Zieggerfeld stabilire un nuovo record mondiale con un tempo di 2 minuti 24,85 secondi per essere incoronata campionessa. La Bianka Pap ungherese (+1,27 s) è decorata in argento.

Così, Aurelie Rivard tornerà nel paese con altre cinque medaglie al suo record paralimpico, che ora è di 10. Al momento, è impossibile dire se un giorno ne verranno aggiunti altri.

“Non ho ancora preso una decisione per la prossima sessione. Ora ho bisogno di riposarmi e uscire dalla piscina per un po’. Dopo di ciò, potrò rivalutare tutto e vedere cosa farò per Parigi”.

READ  Felix Auger Eliassim ha raggiunto il terzo round a Washington

Alec Elliott soddisfatto dei suoi giochi

Sempre venerdì, Alec Elliott (S10) ha terminato la sua corsa giapponese arrivando quinto nei 200 m misti individuali maschili con un tempo di 2 minuti e 15,26 secondi.

“Per me, questo è fantastico ed è andato come previsto. Sono uscito forte e sono andato avanti fino alla fine. Ho provato a tornare, ma non è riuscito”, ha detto il 25enne.

Come ha fatto fin dall’inizio della competizione, l’ucraino Maxim Krybak ha dominato la gara finale. Un tempo di 2 minuti 5,68 secondi gli ha permesso di coronare per la quinta volta a Tokyo. L’italiano Stefano Raimondi (+2s) e l’olandese Bas Taken (+5.71s) sono arrivati ​​rispettivamente secondo e terzo.

Pertanto, Alec Elliott ha completato i suoi secondi Giochi Paralimpici con tre quinti e, soprattutto, con il senso del dovere adempiuto. “Il mio obiettivo era concentrarmi sulle mie gare e dare il massimo ogni volta che vado in piscina. Abbiamo parlato molto con il mio allenatore Marc-Andre Pelletier e ho seguito meticolosamente i miei piani di gara. Sono molto contento di quello che ho fatto questa settimana ed è stata una bellissima esperienza».

Camille Biroubi (S7), l’unica altra Quebec in azione, è arrivata sesta e ultima nella sua ondata di qualificazione nei 50 m farfalla grazie a un cronometro di 42,35 secondi. Questo risultato non è stato sufficiente per raggiungere la finale, che è stata vinta dalla canadese Danielle Doris, autrice del record del mondo (32,99 secondi).

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *