Rivedi i tuoi classici! Trilogia classica di Vienna – rts.ch

La musica di Mozart ha avuto una profonda influenza sul grande terzo maestro del classicismo, Beethoven. Si dice che i due uomini si incontrarono a Vienna nel 1787, ma non ci sono prove di questo incontro. Beethoven teneva in grande considerazione il fratello maggiore e compose diverse serie di variazioni sui temi di Mozart.

Durante la sua giovinezza, Beethoven ha avuto l’opportunità di scoprire e studiare le opere di Mozart. Ha anche suonato i suoi concerti con la Bonn Court Orchestra. Mozart una volta disse a suo padre che era immerso nella musica. Allo stesso modo, possiamo dire che Beethoven era imbevuto di Mozart.

genio

Alcune delle opere di Beethoven portano tracce della sua influenza. Ad esempio, sappiamo che Beethoven ha copiato un passaggio della 40a Sinfonia di Mozart in uno dei suoi taccuini e che lo ha usato per comporre la sua Quinta Sinfonia. Ma Beethoven sviluppò presto la sua personalità e il suo genio brillò in tutto ciò che scrisse.

>> Da ascoltare, l’Allegro assai, primo movimento sonata in fa min chiamato “Appassionata” di Beethoven al pianoforte fiammeggiante di Jean Efflam Bavouzet:

Beethoven considerava la Sonata #23 nella piccola classe F come il suo più grande successo degli ultimi cinque. In ogni caso, sono i più adatti all’immagine che di solito abbiamo di Beethoven. È “come un torrente di fuoco in un letto di granito” per usare l’espressione dello scrittore Romain Rolland.

Per comprendere lo scopo di questa sonata, Beethoven ha invitato i pianisti a rileggere “La tempesta” di Shakespeare. La storia vi trova liberare i poteri elementari, le passioni e le follie degli uomini e degli elementi.

READ  Secondo quanto riferito, i vichinghi e i nativi americani si sono incontrati nel Nuovo Mondo

sinfonie

Se il pianoforte è il campo delle inclinazioni di Beethoven, allora la sua opera sinfonica è senza dubbio la più famosa e il suo successo non è stato negato per secoli.

Uno scienziato separa la Prima Sinfonia, ultimo omaggio al Settecento, dalla Nona Sinfonia, che si è conclusa dopo una lunga gestazione. Nel corso delle sinfonie, l’orchestra si arricchisce, il linguaggio si espande, le forme esplodono mentre i colori orchestrali si moltiplicano.

Dei tre compositori viennesi, Beethoven è senza dubbio quello che ha lasciato l’eredità più audace e universale. Proprio come questa Nona Sinfonia il cui coro finale è usato oggi come inno europeo.

>> Da vedere e ascoltare, l’epilogo della Nona Sinfonia di Beethoven di Anna Samuel (soprano), Troud Meyer (mezzo-soprano), Michael Koenig (tenore), Renee Pape (basso), National Youth Choir of Great Britain and the West – Orchestra della Corte Orientale diretta da Daniel Barenboim

artista torturato

Beethoven incarna il carattere dell’artista incompreso, a cavallo tra i classici di Haydn e Mozart e il romanticismo del secolo successivo. Sordo, tormentato, presenta l’immagine archetipica di un genio solitario e arrabbiato.

L’autore del famoso nono libro è certamente lunatico, ma il quadro deve essere ampliato dal suo lato umanistico, romantico, combattivo e romantico. Capace di rabbia leggendaria, sa anche mostrare leggerezza, umorismo e altruismo. Compone per il divertimento della nobiltà e per beneficenza, ma anche per le generazioni future.

Come Mozart, Beethoven era basso e apparentemente non molto bello. Soprattutto se crediamo agli scritti di Bettina Brentano. Questo è quello che ha detto: “Beethoven è piccolo, marrone, con segni di vaiolo, […] Capelli neri molto lunghi da buttare indietro […] I suoi vestiti sono strappati, sembra completamente strappato. Ma la cantante ammette allo stesso tempo di essere stata letteralmente ipnotizzata dal compositore.

READ  Crack Introduction: Ravi Teja steals thunder

>> Da leggere anche: Ludwig van Beethoven, un destino straordinario

>> Da ascoltare, il rondò finale per concerto per violino e orchestra di Beethoven eseguito da Dmitriy Senkovsky e orchestra Musica Viva, diretta da Alexander Rodin

Conclusione per Concerto per violino e orchestra op.61 è un’opera scritta sotto l’influenza di una passione amorosa per la bella Teresa di Brunswick. Con franca gioia, seduce soprattutto con la sua vivacità e il suo umorismo… e ci permette di chiudere questa seconda parte.

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *