In Italia, di fronte alle restrizioni, le discoteche sotterranee si stanno riempiendo

Di fronte a una variabile delta che rappresenta oltre l’81% dei nuovi contagi, di fronte a cinque milioni di italiani che si rifiutano di vaccinarsi e tre milioni sotto i 19 anni che non hanno ancora ricevuto la prima dose di vaccino, il premier Delibera Mario Draghi: le discoteche rimarranno chiuse fino a nuovo avviso. Un vero disastro per gli operatori di circa 3.000 locali notturni sparsi per il Paese, privati ​​degli appuntamenti di riapertura e ormai in bilico per la guerra.

E decisero, caduti nella trappola dell’oscurità, di portare la loro causa davanti ai tribunali amministrativi. ” Siamo fuori da 18 mesi e rischiamo di dover lasciare le chiavi sotto i tappetini fino ai calendari greci. La situazione è catastrofica e 110.000 dipendenti in questo settore rischiano di perdere il lavoro perché abbiamo visto un calo significativo del nostro reddito. Hanno tuonato i rappresentanti della Gilda Italiana Locali Notturni (SILB).

Esclusione delle discoteche dalla tessera di vaccinazione

Nel 2019 il fatturato totale del settore è stato di 5 miliardi di euro. Oggi i conti delle discoteche sono in rosso. Gli operatori, che si dicono i maggiori perdenti nella crisi sanitaria, sono anche sospettosi del disinteresse del governo, che ha emesso una busta di appena 20 milioni di euro per aiutarli. In altre parole, l’aiuto costante di 7.000 euro per operatore, lamenta il sindacalista Luciano Zanchi.

Anche l’Associazione Professionisti della Notte ha chiesto a Mario Draghi di riceverli. L’obiettivo: dire che dal 6 agosto le persone che hanno ricevuto il permesso di vaccinazione balleranno ovunque… tranne che nelle discoteche. Misura pazzesca di Maurizio Pasca, presidente della SILB, che parla di “discriminazione” e sottolinea i rischi di inquinamento legati all’aumento delle serate danzanti illegali in tutto il Paese.

READ  Il Canada offre scuse ufficiali agli italocanadesi

La polizia esita

Perché ogni fine settimana dall’inizio dell’estate, centinaia di discoteche estemporanee organizzano feste folli fino alle prime ore con l’aiuto di professionisti della comunicazione che sono senza lavoro dall’inizio della pandemia. Ufficialmente, i proprietari dello spazio possono riaprire dal 10 luglio. Ma a determinate condizioni, come il rispetto di una distanza di due metri tra ogni partecipante e una scala ridotta. Gli operatori indoor, dal canto loro, possono trasformare il loro spazio in un bar dall’atmosfera musicale.

Quindi alcuni professionisti delle discoteche si affidano a questo dispositivo per consegnare cene e serate musicali con dj sui social network. Ufficialmente, la parte discoteca non è nel menu, ma intorno alle 23:00 un DJ inizia a ribaltare i piani. “ Venerdì sera è stato meraviglioso. Abbiamo ballato tutta la notte. Non è molto saggio ma se ci ritroviamo intrappolati di nuovo almeno in autunno avremo vissuto un po’ ’ racconta Matthias, un giovane rumeno che ha appena trascorso un fine settimana nella piccola località balneare di Finale Ligure, a una cinquantina di chilometri da Genova, con un gruppo di amici.

Leggi anche: ‘Faccio fatica a vedermi controllare i clienti del ristorante’: Tessera sanitaria della Polizia Municipale

E i rischi di inquinamento? ” Non tutti sono vaccinati. La maggior parte delle persone balla senza maschera e sono molto vicine, ma io e i miei amici cerchiamo di stare attenti Mattia risponde. Lo scenario è lo stesso in tutto il Paese. Da giovedì sera, attraverso i social network e le indiscrezioni, vengono organizzate serate animate che veicolano informazioni pratiche. Ciò significa che il luogo, l’ora e le condizioni di accesso per impedire ai festaioli di essere trattenuti dalla polizia prima ancora che inizino a ballare.

READ  Bielorussia - Dichiarazione dei Ministri degli Esteri del G7 (27.05.21)

Soprattutto in Liguria, come in tutte le città turistiche italiane, le forze dell’ordine stanno aumentando il numero di irruzioni e sanzioni amministrative. Ma i controlli sono insufficienti perché oltre ai locali notturni sotterranei, alcune pizzerie oltre a ristoranti con terrazze sulla spiaggia organizzano serate in discoteca. in questo contesto, “ Intrappolare tutti è complicato. Ci vorrebbero eserciti di polizia per controllarli uno per uno ed è qui che gli stivali pizzicano perché alcuni compagni si rifiutano di giocare alle console Condizionale Christina S. Operativa sul litorale laziale, regione Roma.

Leggi anche: L’Italia segue le orme della Francia sul permesso sanitario obbligatorio

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *