Rimani attivo il più a lungo possibile!

primario

  • A differenza dei primati, che sono molto sedentari, gli esseri umani preistorici si sono evoluti per rimanere fisicamente attivi, anche dopo la menopausa.
  • Il mantenimento dell’attività fisica ha un effetto molto pronunciato sull’organismo: consente la riallocazione dell’energia cellulare e attiva i processi di riparazione delle cellule e del DNA, riducendo il rischio di malattie metaboliche.
  • Pertanto, rimanere attivi il più a lungo possibile, anche quando si è vecchi, è essenziale per invecchiare bene e mantenersi in salute.

È un fatto ampiamente accettato: l’esercizio fisico è essenziale per mantenersi in salute, soprattutto quando si invecchia. Ma come si spiega che l’attività fisica è stata incorporata nella biologia umana?

Un team di biologi evoluzionisti e ricercatori biomedici dell’Università di Harvard si è posto la domanda. si arrendono PNAS Uno studio fornisce per la prima volta la prova che gli esseri umani non solo si sono evoluti per sopravvivere diversi decenni dopo la mancata riproduzione, ma sono anche diventati relativamente attivi nei loro ultimi anni.

Ciò significa che l’attività fisica, se praticata più avanti nella vita, aiuta a prolungare i meccanismi salutari dell’organismo: consente di destinare energia a processi fisiologici che rallentano il graduale declino e la regolazione dell’organismo negli anni. Questo aiuta a proteggere da malattie croniche come malattie cardiovascolari, diabete di tipo 2 e persino alcuni tipi di cancro.

“Nelle società occidentali è diffusa l’idea che quando si invecchia è normale rallentare, ridurre le attività e andare in pensione, Daniel E. spiega. Lieberman, biologo evoluzionista dell’Università di Harvard e autore principale dell’articolo. Il nostro messaggio è l’opposto: quando si invecchia, diventa più importante rimanere fisicamente attivi”.

L’evoluzione biologica ci distingue dai primati

I ricercatori hanno preso le scimmie come punto di partenza. Questi “cugini” degli umani generalmente vivono solo dai 35 ai 40 anni in natura e raramente dopo la menopausa. Sono anche molto meno attivi della maggior parte degli umani, il che suggerisce che l’evoluzione umana è stata contrassegnata dalla scelta non solo di vivere più a lungo, ma anche di essere più attivi fisicamente.

READ  Thousands are obsessed with this handcrafted craft project of turning unwanted glass jars into elegant vases

Ci siamo evoluti dalle patate dolci.Il dottor Lieberman, che ha osservato due volte gli scimpanzé selvatici in Tanzania, ride e si stupisce di quanto tempo viene speso nella loro giornata Si siedono sulle natiche per digerire..

Questo risultato è particolarmente sorprendente se confrontato con i cacciatori moderni, che praticano una media di 135 minuti di attività fisica da moderata a intensa al giorno. Questo livello di movimento potrebbe spiegare perché i cacciatori che sopravvivono all’infanzia tendono a vivere circa sette decenni, o circa 20 anni oltre l’età in cui gli umani in genere smettono di avere figli. Le prove fossili indicano che età così estese erano comuni 40.000 anni fa, contrariamente alla convinzione che la durata della vita umana fosse breve fino a un secolo fa.

L’attività fisica rende il corpo più forte

Sulla base di questa scoperta, il team ha esaminato due percorsi attraverso i quali l’attività fisica per tutta la vita può riallocare energia per migliorare la salute. Il primo è la deviazione dell’energia in eccesso da meccanismi potenzialmente pericolosi, come l’eccessivo accumulo di grasso.

I ricercatori hanno anche determinato come l’attività fisica alloca energia ai processi di riparazione e manutenzione del corpo. Oltre a bruciare calorie, l’attività fisica è fisiologicamente estenuante: danneggia l’organismo a livello molecolare, cellulare e tissutale. Tuttavia, la risposta del corpo a questo danno è essenzialmente quella di ricostruirsi più forte. Ciò include la riparazione di strappi nelle fibre muscolari, la riparazione della cartilagine danneggiata e la guarigione delle microfratture.

Questi trattamenti rilasciano gli antiossidanti e gli antinfiammatori associati all’esercizio fisico e migliorano la circolazione. In assenza di attività fisica, queste risposte sono meno attive. È stato dimostrato che i processi di riparazione cellulare e del DNA riducono i rischi di diabete, obesità, cancro, osteoporosi, morbo di Alzheimer e depressione.

READ  Quanta crema solare va applicata sul viso e con quale frequenza va rinnovata l'applicazione?

Sono sufficienti da 10 a 20 minuti di attività fisica quotidiana

“Il punto chiave da ricordare è che poiché ci siamo evoluti per essere attivi per tutta la vita, i nostri corpi hanno bisogno di attività fisica per invecchiare bene, Il dottor Lieberman conferma. In passato, l’attività fisica quotidiana era essenziale per la sopravvivenza, ma oggi dobbiamo scegliere di fare esercizio, cioè di impegnarci in attività fisica volontaria per essere sani e in forma».

“La buona notizia è che non devi essere attivo come un cacciatore e raccoglitore. Anche piccole quantità di attività fisica – solo 10 o 20 minuti al giorno – riducono drasticamente il rischio di morte”.Il ricercatore conclude.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *