richieste russe | Gli europei affrontano il nuovo Trattato di Yalta

(Parigi) Il ministro degli Esteri francese ha annunciato, mercoledì, che gli europei vogliono promuovere la “strategia Helsinki 2” di distensione per la sicurezza del continente, in contrasto con il blocco “Yalta 2” contro il blocco che stanno provando i russi imporre. Jean-Yves Le Drian.

Inserito alle 15:04

Valerie Leroux e Daphne Benoit
Agenzia media francese

“La Russia ha proposto fondamenti molto simili a un ritorno allo status quo prima del 1975, ovvero la seconda formula di Yalta porta effettivamente al riemergere di blocchi e sfere di influenza”, A- Lanciato in un’intervista ad AFP.

“Le linee guida proposte negano ad alcuni paesi la libertà di scelta e la sovranità di aderire alle alleanze”, ha aggiunto.

Blocchi orientale e occidentale, zona cuscinetto

La Russia chiede garanzie di sicurezza dagli Stati Uniti e dalla NATO con l’obiettivo di ricostruire la sua sfera di influenza nell’ex Unione Sovietica e ristabilire una zona cuscinetto tra l’alleanza ei suoi territori nell’Europa orientale e orientale.

Mosca chiede in particolare l’impegno della NATO a fermare qualsiasi espansione verso est, in particolare in Ucraina, ea ridurre la sua presenza militare nei nuovi Stati membri dell’alleanza, dagli Stati baltici alla Romania.

“Per noi questo è inaccettabile”, ha attaccato il capo della diplomazia francese, che garantisce il suo Paese dal 1è essere Gennaio Presidenza a rotazione dell’UE, in coordinamento con gli Stati Uniti e gli altri Stati membri della NATO.

Questa sarebbe una nuova divisione dell’Europa, come è stato registrato alle conferenze di Yalta e Potsdam nel 1945 tra gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica, le due potenze vincitrici della seconda guerra mondiale.

READ  Il Canada dice ai canadesi di lasciare l'Etiopia

“Di fronte alla strategia che vuole promuovere Yalta II, dobbiamo sviluppare una strategia che voglia promuovere Helsinki II, in linea con gli impegni presi nel 1975 da tutti i firmatari degli Accordi di Helsinki, compresa l’URSS in Francia .un periodo, prorogato dalla Carta di Parigi del 1990”, ha aggiunto Jean-Yves Le Drian.

Questi accordi, firmati al termine della Conferenza di Helsinki sulla sicurezza e la cooperazione in Europa, hanno cementato la distensione tra occidentali e sovietici dopo decenni di guerra fredda, garantendo la santità dei confini e consentendo una maggiore circolazione di persone e idee.

Relax 2.0 o Guerra Fredda 2.0?

Il Patto di Parigi per la Sicurezza Europea, fondato sulla base degli Accordi di Helsinki, sanciva la fine della Guerra Fredda dopo la riunificazione tedesca nel 1990 e la caduta dei regimi comunisti.

Giovedì e venerdì in una riunione dei ministri degli Esteri dell’UE a Brest, gli europei dovrebbero bloccare la loro posizione dopo la settimana di intensa diplomazia tra americani, russi, NATO e l’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE).

Jean-Yves Le Drian ha insistito, sia all’interno dell’alleanza che dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa, che “prendano il loro posto” nel dialogo con la Russia.

“Il fatto che gli Stati Uniti ci abbiano consultato prima del loro incontro con i russi lunedì a Ginevra e dopo questo primo incontro è un segnale positivo. Questo dialogo deve continuare”, ha aggiunto.

Precisava anche un’imminente ripresa delle discussioni da parte del Gruppo Normandia (Germania, Francia, Russia e Ucraina) per risolvere il conflitto ucraino che ha provocato più di 13.000 morti dall’inizio del conflitto tra Kiev e i separatisti filo-russi. a est. dal paese.

READ  Il figlio di Donald Trump viene interrogato dai procuratori generali

“Vedo segnali di una possibile ripresa”, ha detto dopo una visita congiunta dei consiglieri diplomatici del presidente francese Emmanuel Macron e del cancelliere tedesco Olaf Schulz a Mosca e poi a Kiev.

La Russia evita da diversi mesi questa forma di discussione, che mira all’attuazione degli Accordi di pace di Minsk (2015) e fa riferimento al primo incontro dei leader dei quattro paesi nel 2014 in Normandia (Francia occidentale).

Jean-Yves Le Drian ha sottolineato che in tutti questi forum, inclusa l’OSCE dove si terrà la riunione di giovedì sotto la presidenza polacca, “gli europei stanno manovrando per difendere i propri interessi di sicurezza”.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *