Restrizioni di voto: l’Università della Florida vieta ai professori di testimoniare al processo

L’Università della Florida ha vietato a tre dei suoi docenti di testimoniare come esperti in una causa contro il Voting Restrictions Act, approvato da Ron DeSantis, per paura di conflitti con l’amministrazione del governatore repubblicano. Washington Post Domenica.

• Leggi anche – Florida: “Insegnante dell’anno” accusato di aggressione a minore

La scuola ha detto sabato che sarebbe “contro gli interessi dell’università, l’istituzione statale della Florida”, se i professori Dan Smith, presidente del dipartimento di scienze politiche, Michael MacDonald e Sharon Austin fossero autorizzati a offrire la loro esperienza ai querelanti di processo.

La decisione di vietare ai professori di essere periti in un processo aperto è insolita. In una lettera all’università, gli avvocati che rappresentano i professori hanno affermato che i membri della facoltà hanno il diritto alla libertà di parola ai sensi del Primo Emendamento alla Costituzione degli Stati Uniti, sebbene le loro osservazioni possano “rendere più difficile il rapporto dell’università con le fonti di finanziamento”, afferma il giornale. .

Paul Donnelly, un avvocato che rappresenta Smith, MacDonald e Austin, ha affermato che gli accademici nel frattempo intendono citare in giudizio l’università se non cambia posizione.

Lo scorso maggio, il governatore DeSantis ha promulgato un disegno di legge che limita l’accesso al voto per corrispondenza e rende più rigorosa l’identificazione degli elettori.

La legge vieta inoltre a tutti, ad eccezione dei funzionari elettorali, di fornire cibo o acqua agli elettori in attesa.

Secondo gli attivisti per l’accesso alla democrazia, la legge, approvata dal leader della Florida a maggio, ostacolerà il voto delle minoranze etniche e lo renderà più difficile.

Guarda anche

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *